Alcuni film o cartoni animati sono davvero metafora della vita: è il caso di Trolls, il nuovo cartone animato che si rivolge ad un pubblico di varia natura. I Trolls, piccoli esseri dalla chioma fluo, cantanti e ballerini talentuosi (come dei protagonisti di un talent show) illuminano a colpi di glitter e di ottimismo il pubblico di grandi e piccini. Queste minuscole creature che conoscono i colori giusti per la ricetta della felicità, divengono cibo perfetto per i tristi e spaventosi Bergen.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cinema

Nel giorno del Trolstizio, questi mostruosi esseri prendono in pasto un troll, con l’intento di conoscere la vera felicità. I trolls improvvisamente riescono a liberarsi da questo martirio, ma a causa delle loro rumorose note e del loro ritmo sfrenato vengono nuovamente localizzati e catturati.

Inizia così l’avventura della Principessa Poppy e del disincantato Branch alla ricerca dei loro amici, per salvarli definitivamente dalle fauci dei Bergen.

Insieme ai valori dell’amicizia, della fratellanza, della coralità, della gioia, il cartone vuole dimostrare che il vero ingrediente della felicità non è nient’altro che l’amore, con cui chiunque riesce a nobilitarsi. La dualità tra bene/Trolls e male/Bergen che all’inizio sembra netta, va infine scomparendo con la consapevolezza che non esistono personaggi puramente cattivi o puramente buoni, proprio come avviene nella vita reale.

La morale della favola sembra essere un’esortazione a non divorare la felicità altrui ma a saziarsi della propria. Tornando più alla forma che al contenuto, il cartone cattura il pubblico spruzzando bombolette di colori sui loro/nostri occhi, come un writer sul muro prescelto.

I migliori video del giorno

Insieme ai colori i protagonisti sono la musica-dance-pop-rap, che invitano lo spettatore a cantare e ballare sulla propria poltrona. La grafica ben strutturata e psichedelica ricorda sia il videogame dell’amatissimo Super Mario che la Just Dance del Nintendo Wii. Insieme alla nuova tecnologia si aggiunge del nostalgico passato: gli album fotografici, i libri di fiabe pop up per bambini, i posters e i fotomontaggi. Una storia animata che non annoia, ma che diverte a ritmo di musica sia grandi che piccini.