Il nuovo album di Bob Dylan, dal titolo Triplicate esce il 30 marzo. Si tratta del primo disco triplo della sua vita e il 38 esimo della sua carriera. Dopo gli ultimi lavori, anch'essi di cover, Fallen Angels e Shadows In The Night, dedicato a Frank Sinatra, continua la sua reinterpretazione dei grandi classici della tradizione. 30 canzoni suddivise in tre dischi ognuno con 10 brani, con una tematica diversa e tre diversi titoli: Til The Sun Goes Down, Devil Dolls e Comin’ Home Late. Il triplo album è anticipato dall’uscita del singolo I Could Have Told You.

Il disco, prodotto dallo stesso Dylan, sotto l’ormai noto pseudonimo di Jack Frost, è stato registrato ai Capitol Studios di Hollywood, Los Angeles, e contiene pezzi come: Once Upon A Time di Charles Strouse e Lee Adams, Stormy Weather di Harold Arlen e Ted Koehler, As Time Goes By di Harold Hupfield, The Best Is Yet To Come di Cy Coleman e Carolyn Leigh, solo per citarne alcuni.

Bob Dylan, la tradizione americana, la letteratura

Dylan ha sempre avuto stretti rapporti con i letterati del suo tempo tanto da essere considerato egli stesso uno di loro, e di recente dalla letteratura è stato ripagato con la massima onorificenza: il Nobel.

Anche se si è trattato di un Nobel molto discusso e di certo unico, è la prima volta che viene assegnato a un cantautore, l’Accademia Svedese non ha avuto dubbi. La motivazione fornita è stato il contributo alla letteratura americana dato da Dylan attraverso le sue canzoni che assurgono al livello di poesia: “per aver creato nuove espressioni poetiche nell'ambito della grande tradizione della canzone americana”.

Anche in questo caso Dylan è rimasto fedele a se stesso, non facendosi trovare dall'Accademia che ha cercato disperatamente di mettersi in contatto con lui e rispondendo dopo giorni con un laconico: “ A Stoccolma vado se posso”.

I migliori video del giorno

Tutto in pieno stile dylaniano che da una parte ha alimentato le polemiche, dall'altra ha aumentato l’affetto e l’approvazione dei tanti fan nel mondo che hanno imparato ad amare il suo modo di fare così come la sua musica.

I suoi ultimi lavori sono stati realizzati in omaggio a quella tradizione musicale americana alla quale anche lui ormai appartiene.