Momenti di ansia e di grande paura per gli amici e i sostenitori dello "Zoo di 105". Il noto cantante e conduttore radiofonico Leone Di Lernia sembrerebbe essere in gravi condizione in ospedale. Il conduttore aveva postato sui social qualche giorno fa alcuni scatti fotografici che lo ritraevano presso il nosocomio capitolino, ma ad oggi le sue condizioni di salute sembrerebbero preoccupanti tanto da indurre gli altri conduttori della Radio a scrivergli un messaggio di sostegno e molto commovente che lascerebbero presagire un gravissimo risvolto. Il conduttore, Marco Mazzoli del programma radiofonico "Lo Zoo di 105", ideato da lui e trasmesso dall'emittente Radio 105, scrive sulla sua pagina facebook un lungo messaggio di sostegno per Leone, affermando che i due hanno iniziato insieme questo percorso radiofonico, per 18 lunghi anni, facendo divertite il pubblico realizzando gag comiche e canzoni trash-demenziale.

La vita di Leone di Lernia dagli esordi ai nostri giorni

Il conduttore nato a Trani nel 1938, inizia la lunga carriera come urlatore, con lo pseudonimo Cucciolo Di Lernia, partecipando anche nel 1961 al Festival dell'Urlo. Trasferitosi dopo qualche anno a Milano, ha lavorato a lungo come cantante e comico dialettale in varie televisioni e radio locali. Tra i programmi di maggiore rilevanza a cui ha fatto parte è giusto menzionare "L'isola dei famosi" [VIDEO] in Honduras, condotta da Simona Ventura, sostituendo il 25 ottobre del 2006 Massimo Ceccherini che fu eliminato per una bestemmia in diretta. Tra gli album che lo hanno reso noto in tutto il mondo ricordiamo "Parmigiano foggiano" nel 2016, "EXPO" nel 2015 e "Ma che figo sono con Auz Triccaballac" pubblicato nel 2006.

I migliori video del giorno

Leone era presenta allo scorso Festival di Sanremo

Molti addetti ai lavoro e giornalisti lo avrebbero visto per l'ultima volta proprio negli scorsi giorni al Festival di Sanremo, dove il conduttore era solito rifugiarsi nel periodo sanremese, sempre con il sorriso stampato sul volto e l'umiltà e la simpatia che lo ha sempre contraddistinto fin dai suoi esordi televisivi.