3

simonetta spiri, Sassari, classe 1984, si è fatta conoscere al grande pubblico grazie ad "Amici di Maria De Filippi" nella stagione 2007-2008, e poi ha cominciato una carriera da solista pubblicando, ad ora, due album: "Il Mio Momento" nel 2009, e "Quella Che Non Vorrei" nel 2013 (che contiene "Il Resto è Niente", in duetto con Tony Maiello).

Ma è nel 2016 che ottiene la maggior visibilità dopo il talent di Canale 5: Simonetta Spiri scrive (assieme a Luca Sala e Marco Rettani, anche produttori) "L'Amore Merita", inno contro l'omofobia e per il rispetto verso ogni forma d'amore. In occasione di questo progetto, riunisce Greta Manuzi, Verdiana Zangaro (anche loro ex concorrenti di "Amici") e Roberta Pompa, già vista nella settima edizione di "X Factor".

Il brano diventa un successo: raggiunge la posizione #6 della classifica dei singoli più venduti in Italia, ottiene il disco d'oro per aver venduto oltre 25.000 copie, raggiunge oltre 1 milione di ascolti su Spotify e oltre 3 milioni di views su YouTube. Segue il singolo "L'Origine" con la stessa formazione, e anch'esso ottiene buoni risultati sui social media e sulle piattaforme d'ascolto.

Dopo i due brani di successo con il gruppo, fino a quel momento senza un nome, Simonetta Spiri decide di fare marcia indietro e di non proseguire: Greta Manuzi, Verdiana Zangaro e Roberta Pompa accolgono, così, Laura Bono (vincitrice di Sanremo Giovani 2005 con "Non Credo Nei Miracoli") e diventano Le Deva [VIDEO], mentre la cantautrice sarda si prepara a tornare alla carriera da solista. Di recente ha lanciato la nuova canzone "Il Tempo di Reagire" per la NatyLoveYou, etichetta indipendente fondata da Valerio Scanu.

Nell'intervista rilasciata a "Blasting News", approfondiremo tutto quello che c'è da sapere sul nuovo singolo di Simonetta Spiri, sul perché non ha voluto proseguire il percorso musicale con Le Deva e molto altro.

Ciao Simonetta, è uscito il tuo nuovo singolo "Il Tempo di Reagire". Di cosa parla? Cosa rappresenta per te?

"Il Tempo di Reagire" è un inno alla vita e alla forza di volontà, un'esortazione al coraggio di saper restare soli e distinguere i propri valori riconoscendosi in essi. Il brano descrive il mutamento e la ribellione di un'anima libera.

Con "Il Tempo di Reagire" hai iniziato una nuova fase della tua carriera, dopo i 2 singoli in compagnia di Verdiana Zangaro, Roberta Pompa e Greta Manuzi che adesso sono diventate Le Deva. Come mai non hai voluto far parte della band?

Perché amo concedermi la libertà di gestire la mia identità artistica come desidero. Credo che le collaborazioni siano una cosa bellissima, un valore aggiunto al percorso di ogni artista che condivide vari progetti insieme ai colleghi stimati, tutto ciò arricchisce l'anima e la Musica ma, personalmente, nasco solista e ho deciso di restare coerente al mio percorso e, per il bene di me stessa e del progetto de Le Deva, ho preso questa decisione e la rifarei altre mille volte.

Insieme alle ragazze avete ottenuto il disco d'oro con la vostra "L'Amore Merita", un vero e proprio inno contro l'omofobia. Ad un anno dall'approvazione delle unioni civili in Italia, dato che è nuovamente tempo di Gay Pride, secondo te ci sono stati miglioramenti nella nostra società? Qualcosa è davvero cambiato?

Sì, qualcosa sta cambiando! Ne sono convinta. Spero che, nel tempo, nel nostro Paese si facciano sempre più progressi affinché ognuno possa sentirsi libero di amare ed essere amato senza vincoli e senza leggi che incatenino il cuore e i sentimenti di chi non ha nessuna colpa...se non quella di amare.

La tua nuova etichetta discografica è la NatyLoveYou, etichetta indipendente fondata da Valerio Scanu (recentemente ai ferri corti con Maria De Filippi): com'è il tuo rapporto con lui?

Il mio rapporto con Valerio Scanu è basato su affetto e rispetto, senza morbosità, ma con lealtà e verità.

Cosa significa, per te, essere artisti indipendenti?

Lo dice la parola stessa, "artista indipendente!". Essere sotto contratto con un'etichetta indipendente, rispetto ad una major, ha il vantaggio di dare all'artista un controllo più complessivo sulla propria produzione: a partire dal punto di vista musicale, del testo, del video, grafica del disco e qualsiasi altro dettaglio del proprio progetto. Un artista indipendente ha sicuramente il vantaggio di avere una maggiore libertà espressiva.

Ci sono stati momenti, o periodi, in cui hai seriamente pensato di lasciare la musica, abbandonare tutto e cambiare lavoro?

Sì, ci sono stati, ma nonostante tutto la musica mi ha sempre creato una forte reazione positiva attraverso uno spiraglio di luce e speranza. La musica è il mio rifugio e il mio conforto, mi ha sempre dato la conferma che questo amore è una certezza.

Quali sono i tuoi artisti preferiti? Trai ispirazione da loro, oppure ciò che ascolti è sempre diverso da ciò che, alla fine, canti?

Ci sono artisti italiani e internazionali che amo, e tra questi posso citarne alcuni: Laura Pausini, Giuliano Sangiorgi, Ligabue, Vasco Rossi, Elisa, Giorgia, Fiorella Mannoia, Biagio Antonacci, De Gregori, Celine Dion, Bruce Springsteen, One Republic, Lauren Daigle, Coldplay, Kari Jobe e tanti altri. Per adesso, ciò che ho realizzato musicalmente durante il mio percorso, è sempre stato distante da loro, ma c'è sempre tempo di mettere in atto le meravigliose contaminazioni che mi trasmettono!

Stai lavorando ad un nuovo album? Dacci qualche anticipazione

Ci sto lavorando con calma, ma ora ho bisogno del mio tempo...di un bel po' di tempo per ritrovarmi e per ritrovare nuove ispirazioni durante questa inaspettata fase della mia vita.

Hai una frase a te cara, un motto di vita che ripeti a te stessa per andare avanti?

Sì, il mio motto è: "Il segreto è non odiare nessuno e non amare chiunque".