"La musica è come la vita, si può fare in un solo modo: insieme" dice Ezio Bosso, frase che esprime al meglio l'idea di musica e di arte dei Soul System, band vincitrice di X Factor 16 sotto la guida di Alvaro Soler. Da oggi in rotazione radiofonica il nuovo singolo "White Niggas" (ed il relativo video mostrato in anteprima ieri sera sul canale Sky Uno prima dell'inizio della nuova edizione di X Factor che vede in giuria Levante, Mara Maionchi, Manuel Agnelli e Fedez e da oggi visibile sul canale Vevo ufficiale della Band). Il brano è tratto dal primo album di inediti "Back to the future" uscito per Sony Music Italia l'8 settembre scorso.

I Soul System continuano la propria crescita artistica

Un ritorno al futuro, come si evince dal titolo dell'album, che suggerisce l'obbiettivo perseguito dal gruppo attraverso la propria musica, ovvero compiere un viaggio nel passato, ritrovare vecchie sonorità, molte delle quali parte del background culturale e personale di ognuno di loro, al fine di renderle attuali. Un progetto che è sostenuto dal talento eclettico dei giovani artisti, un mix travolgente di simpatia e carisma che era emerso a gran voce già durante il percorso da loro compiuto all'interno del Talent. L'ascoltatore si troverà infatti a godere di sonorità diverse che spaziano dal funk al soul alla dance anni '90 e dall'hip hop alla raggaeton moderna.

La piacevolezza delle sonorità non deve però far pensare ad una minore qualità dei testi e degli argomenti trattati: al centro dell'attenzione c'è un messaggio sempre attuale e necessario, uno stimolo sempre valido che invita al perseguimento di una coscienza capace di comprendere l'idea di uguaglianza socioculturale: tra le persone dovrebbe quindi, secondo il gruppo, scorrere quella stessa armonia che naturalmente la musica porta con se, con quella capacità di parlare all'anima (Soul), di superare confini che al giorno d'oggi sembrano sempre più invalicabili compromettendo la possibilità di costruire insieme, arricchendosi e confrontandosi.

Nati e cresciuti tra Verona e Brescia, eccetto Alberto, sono tutti di origini ghanese: ricordano di aver iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica come parte dei cori Gospel, laddove si ha davvero il sentore che la musica e la voce siano un'emanazione di ciò che alberga nell'anima, e poi la gavetta lunga si ma che si è rivelata nel tempo grande e insostituibile maestra, fino al grande successo, reso possibile anche dalla grande amicizia che li vede uniti.

I Soul System si rivelano quindi portavoce di un'ideale di musica che trascina, grazie ai ritmi travolgenti e intrisi di positività, non dimenticandosi di far riflettere, smuovendo il sistema.