Annuncio
Annuncio

"Vuoi un palloncino…?" Chi non conosce questa frase e il film in cui è stata detta per la prima volta? Generazioni di bambini sono stati terrorizzati di IT, la versione cinematografica di uno dei più suggestivi romanzi di stephen king, il re del brivido. E se quella del 1990 ha tormentato gli incubi degli spettatori, la versione riportata al cinema ventisette anni dopo da Andrés Muschietti, non è certo da meno. Anzi: il regista è riuscito a centrare in pieno l'atmosfera che si respira nel libro e a restituirci un Pennywise allo stesso tempo affascinante e orrendo.

Gli alti incassi ottenuti nel primo giorno d'uscita del film sono la prova di quanto l'orrore attragga ancora gli spettatori e di quanto il clown di Derry sia diventato una vera e propria icona.

Advertisement

Siamo certi che il prossimo Halloween molti decideranno di travestirsi come il pagliaccio più famoso del cinema.

Galleggerete tutti

IT inizia nel modo in cui tutti ci aspettiamo: Bill aiuta Georgie a preparare la barchetta di carta che finisce inevitabilmente nel tombino, nel quale vediamo apparire per la prima volta Pennywise. Tutto avviene più o meno come nel film degli anni Novanta, ma questa volta niente è lasciato alla fantasia e vediamo con i nostri occhi come il clown si avventa su Georgie e come lo cattura. Un inizio eccellente, che comunica allo spettatore quale sarà il livello di terrore di tutta la pellicola, nella quale non vengono risparmiate scene splatter (senza esagerare) e riferimenti ad altre opere di King. Durante il resto del film, seguiamo le avventure del gruppo di "Perdenti" formati da Bill e dai suoi amici, i loro incontri con It (a ognuno dei bambini appare in forma differente, a seconda delle loro paure, per poi ritornare poco dopo nelle sembianze del clown) e gli sforzi per sconfiggere quell'orrendo mostro.

Advertisement
I migliori video del giorno

Il film è realizzato in maniera impeccabile

Le scenografie anni Ottanta, gli effetti speciali mai esagerati o trash, la scelta degli attori bambini, il rapporto dei ragazzini con i genitori (cattivi) e il loro legame di amicizia. Proprio l'amicizia fa da padrona in questa storia e non possiamo fare altro che sorridere e parteggiare per questo gruppo nel quale rivediamo noi stessi. L'idea di dividere la storia in due capitoli, il primo in cui seguiamo le vicende dei personaggi bambini e il secondo (che uscirà l'anno prossimo) in cui sono diventati adulti e ritornano a Derry per affrontare di nuovo It e sconfiggerlo, è ottima. In questo modo, a differenza del film precedente che condensava tutto il romanzo in un paio d'ore, possiamo seguire meglio le vicende dei personaggi e approfondirne aspetti tralasciati in passato. Alcune scene risultano comunque troppo veloci e sbrigative, ma nel complesso il film è buono e oseremmo dire migliore del precedente. Gli appassionati del genere horror non rimarranno delusi. E se non troveranno il film spaventoso, almeno potranno passare una bella serata godendosi una pellicola ben fatta e coinvolgente.