Per il bicentenario della morte della scrittrice britannica Jane Austen, avvenuta a Winchester il 18 luglio del 1817, il gruppo di lavoro ha realizzato una raccolta antologica, intitolata "Natale a Pemberly", ambientata nell'omonima residenta di Mr. Darcy, nella notte più magica dell' anno, Natale 1812.

Come si compone il volume?

Le storie, scritte da altrettanti autori, raccontano le vicissitudini dei protagonisti, i quali sono ispirati ai grandi capolavori della Austen o delle penne più illustri del tempo, come quella della scrittrice Charlotte Bronte.

I racconti, distribuiti in 254 pagine e pubblicati dalla casa editrice PubMe il 28 novembre, vedono l' impegno di scrittori e cultori della letteratura, appassionati dell'epoca Regency e vittoriana i quali hanno messo a disposizione le loro penne e la loro grinta con il connotato della solidarietà: i proventi della vendita dell'antologia "Natale a Pemberly" saranno devoluti in beneficienza [VIDEO], senza alcuna trattenuta, all'associazione "La Città delle Donne" di Piacenza.

Gli autori: Romina Angelici, Gladys Dei Melograni, Antonia Depalma, Pitti Du Champ, Patrizia Ferrando, Simona Friio, Elena Grespan, Cassandra Lloyd, Emanuela Locori, Mala Spina, Lisa Molaro, Francesca Prandina, Antonia Romagnoli, Federica Soprani, Susy Tomasiello, Serena Vis e Matteo Zanini hanno, così, congiunto una grande passione per la letteratura, la storia e la cultura ottocentesca ad una "eroica" impresa altruista.

Qual'è la fonte di ispirazione dell'antologia?

La raccolta, infatti, è stata pubblicata in un periodo storico-culturale particolarmente attento alla violenza di genere e, in particolare, sulle donne le quali spesso sono vittime di bruschi attentati al diritto alla vita, all'integrità fisica e alla dignità umana.

Il volume, la cui grafica di copertina è stata curata da Scarlett Douglas Scott, è disponibile - sia in formato kindle che cartaceo - su Amazon, PubMe e potrà essere ordinato nei book-store Mondadori [VIDEO], Giunti e La Feltrinelli.

I migliori video del giorno

Il più celebre romanzo di Jane Austen, "Pride and Prejudice", è stata la fonte di ispirazione per la realizzazione di questo lavoro editoriale che ha visto coinvolti scrittori di tutta Italia che, per il periodo più felice e spensierato dell' anno, hanno deciso di donare ai loro lettori una speciale notte nella sontuosa residenza di Fitzwilliam Darcy e di sua sorella Georgiana.