Si pensava che la legge per le Unioni Civili, approvata nel giugno 2016, avrebbe lenito la ferita che l'omofobia ha lasciato in questo paese. Invece, così non è stato. In Italia, a differenza di molti altri paesi europei, persevera un vuoto legislativo importante: manca, infatti, una legge che punisca i reati a sfondo omofobico. Le uniche armi a disposizione di chi s'impegna quotidianamente a lottare contro l'omofobia sono la cultura e l'educazione.

Che cos'è l'omofobia?

Nella lingua italiana questo termine ha due diverse accezioni: se da un lato si identifica come 'avversione nei confronti degli omosessuali', dall'altro significa 'timore ossessivo di scoprirsi omosessuali'.

Pubblicità

Che cos'è, dunque, l'omofobia? È l'aggressione consumata contro due giovanissimi pochi giorni fa nel quartiere Trastevere di Roma. È un padre che picchia il proprio figlio fino a ridurlo al ricovero ospedaliero, come successo poche ore fa nel torinese. È decine e decine di aggressioni e violenze ogni settimana [VIDEO]. Alcuni segmenti della politica continuano a chiedere una legge dedicata, che punisca i reati d'odio legati all'omofobia, ma in un momento così delicato per la politica, il grido continua a rimanere inascoltato.

Intanto l'omofobia continua a serpeggiare tra le nostre città e continua a riempire le pagine dei quotidiani. C'è qualcosa, però, contro cui la politica può ben poco. L'omofobia, infatti, è anche una lenta, inesorabile e dolorosissima lotta con se stessi che, come riportano spietati casi di cronaca, può risolversi anche nel peggiore dei modi.

Come si ferma l'omofobia?

Le parole d'ordine si ripetono e si sprecano: cultura ed educazione. Se da un lato la cultura deve aiutare a superare retaggi medievali, dall'altro l'educazione deve insegnare il rispetto per l'altro, l'immedesimazione, come in ogni forma di diversità.

Pubblicità

E niente meglio del teatro può immergere lo spettatore in una realtà diversa dalla propria, fino a dargli la sensazione di poterla vivere. E proprio quello dell'omofobia, propria e degli altri, è uno dei cardini su cui ruota "Primo Amore" di Letizia Russo. La Russo, nata nel 1980 a Roma, è un'autrice teatrale affermata, vincitrice del premio Tondelli ad appena ventun'anni con il suo testo "Tomba dei cani", che nel 2003 ha ricevuto anche il premio Ubu.

"Primo Amore" a Salerno

Letizia Russo è già stata ospitata a Salerno, dalla IV Rassegna "Out of Bounds -drammaturgie fuori confine" lo scorso marzo.

"Primo Amore" torna nella città delle cento colonne, con la produzione di L.A.A.V. Officina Teatrale e la regia di Antonella Valitutti. Il monologo in versi liberi, sarà in scena il prossimo 27 aprile al Piccolo Teatro del Giullare di Salerno, con Massimiliano Marchi e il disegno luci di Licia Amarante. Violento, arrabbiato, liberatorio, "Primo Amore" mette in scena un uomo adulto che torna nella provincia soffocante e polverosa che lo aveva imprigionato da ragazzo. Lì, tra i tavolini di un bar e i negozi chiusi il sabato pomeriggio, dove vent'anni prima aveva scoperto il suo destino omosessuale, torna a scontrarsi con demoni che pensava sbiaditi da tempo.

Pubblicità

Dopo il successo de "Lo Zoo di Vetro", il L.A.A.V. Officina Teatrale chiude la stagione proprio con "Primo Amore", in scena il 27 aprile.