Il nuovo film "The End of Love" di Keren Ben Rafael è alla Biennale College Cinema per la 76esima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Trama e cast

Julie e Yuval vivono a Parigi, sono innamorati e hanno appena avuto un bambino. Quando Yuval deve tornare in Israele per rinnovare il visto, iniziano a condividere la loro routine familiare tramite la videochiamata e uno schermo.

Il loro amore sopravviverà ai pericoli di questo nuova forma di "interazione"?

Il film è una produzione di Palikao Films e Delphine Benroubi, con un ottimo cast: (Julie) Judith Chemla, (Yuval) Arieh Worthalter, (Lenny) Lenny Dahan, (Chantal) Noémie Lvovsky, (Yali) Joy Rieger, (Aner) Gil Weiss, (Charles) Bastien Bouillon, (Roméo) Vassili Schneider, (la madre di Yuval) Odeya Koren e (il padre di Yuval) Nathan Datner.

Keren Ben Rafael

La regista è nata in Israele nel 1978. Ha studiato filosofia e letteratura francese a Tel Aviv mentre lavorava come regista e nella realizzazione di contenuti sui documentari televisivi. Si è laureata alla prestigiosa scuola francese La Femis, dipartimento di regia nel 2009. I suoi cortometraggi "I am your man", "Northern lights" e "At the beach" hanno vinto numerosi premi in vari festival e sono stati tutti proiettati anche in televisione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Il suo debutto con il lungometraggio, “Virgins”, presentato in anteprima al Tribeca Film Festival di New York, dove la protagonista femminile del film è stata premiata come migliore attrice. Ha anche vinto il Fipresci al Festival del cinema di Gerusalemme come miglior regista, migliore attrice al Montenegro Film Festival e il premio come miglior film al Festival del cinema femminile Sguardi Altrove di Milano.

Le parole della regista

La regista Karen Ben Rafael ha spiegato pubblicamente: "Come donna, madre e regista, mi trovo continuamente messa di fronte a come poter gestire tutto. Niente come la scuola della vita ci prepara a questo scontro di desideri e obiettivi. Per me, questo film è come un'esplorazione, quasi uno studio di una coppia che cerca di soddisfare le proprie esigenze e aspirazioni, provenienti da contesti e culture diverse.

Quindi considerando tutto questo, è inevitabile una rotta di collisione. Anni fa, essere lontani gli uni dagli altri significava inviare lettere, immaginando romanticamente la vita dell'altro. Invece, al giorno d'oggi, si continua a vivere insieme attraverso uno schermo. Ma è solo un altro elemento che alimenta gelosia, paranoia e tensione in una relazione già esplosiva".

Poi la regista ha concluso: "L'ossessione di comunicare, spinta all'estremo dalla tecnologia moderna, è probabilmente uno dei più grandi mali del nostro secolo.

La parte più eccitante del film per me è stata la sfida della sua forma unica: un film che mostra relazioni attraverso le videochiamate, senza mai mostrare lo schermo. In questo film, le videochiamate acquisiscono un linguaggio proprio, un nuovo linguaggio delle relazioni. "The End of Love" è interpretato da due magnifici attori, Judith Chemla e Arieh Worthalter, che, nell'affrontare questa sfida, ci portano in un viaggio profondo e intimo della coppia."

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto