Secondo una notizia lanciata dall’Ansa, in Italia circa il 12,8% della popolazione adulta sarebbe tatuata. Un dato in linea con quanto succede in Europa. Mentre una ricerca condotta da Nicolas Kluger e pubblicata su Dermatology, ha analizzato gli andamenti su Google Trends, sulle ricerche effettuate dal 2004 al 2018 su temi associati ai tatuaggi. Quello che è emerso è che in generale le ricerche raggiungono il picco nelle stagioni più calde, quando aumentano le occasioni per mostrare i tatuaggi. Nell'emisfero settendrionale sono i mesi di luglio-agosto mentre nell'emisfero meridionale o australe, il picco si raggiunge a gennaio.

Principalmente adulti dai 18 ai 44 anni

Secondo uno studio dell’Università di Pisa, condotto da Paolo Macchia e Maria Elisa Nannizzi, e raccolto in un volume dal titolo “Sulla nostra pelle. Geografia culturale del tatuaggio”, in Italia il 12,8% della popolazione ha un tatuaggio. In prevalenza sono adulti dai 18 ai 44 anni. E questo dato è allineato alla media europea (12%).

Ci sono circa 2.800 tatuatori ma la loro presenza è concentrata nel nord (60%) mentre il restante 40% è presente nelle restanti regioni con un andamento progressivamente decrescente.

Secondo gli autori, l’idea culturale associata al tatuaggio è cambiata nel tempo. I Romani e i Greci usavano i tatuaggi a scopo punitivo, per marchiare nemici e prigionieri, se non aveva una valenza identitaria, come i tatuaggi tribali dei Maori.

Dopo una fase di declino, associato all’avvento del Cristianesimo che ripudiava ogni forma di segni sul corpo, i tatuaggi hanno riscoperto un rinnovato interesse nel Medioevo, proprio tra i pellegrini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Curiosità

Ma sono state le conquiste dei territori in Estremo oriente e in Polinesia, tra il settecento e l’ottocento, a far rivivere in Europa una nuova stagione del tatuaggio.

Arrivando agli ultimi decenni, negli anni ’60 i tatuaggi erano segni distintivi di hippie, punk, biker fino agli skin-head. In quegli anni non sono mancati esempi di personaggi famosi con tatuaggi su parti del corpo: un braccio, un piede o il petto.

Negli ultimi anni stiamo registrando una forte impennata di persone tatuate che spesso rientrano nella definizione di “body art”, quando il tatuaggio è un’opera d’arte che decora il corpo.

Internet, il termometro del nostro tempo

Ormai tutti si rivolgono a internet per approfondire tematiche o seguire tendenze o scoprire mondi lontani. Così per comprendere un fenomeno è sufficiente vedere quante ricerche vengono fatte su Google Trends. È quello che ha fatto un dermatologo finlandese, Nicolas Kluger, facendo una ricerca nel periodo 2004-2018 e raggruppando i risultati in periodi di 5 anni.

La ricerca è stata recentemente pubblicata su Dermatology.

Kluger ha preso in considerazione 20 Paesi e ne ha seguito l’andamento – il numero di ricerca su internet – nei vari mesi dell’anno, per 15 anni. Quello che è emerso è un aumento regolare delle ricerche nel periodo in esame: 46 ± 5 (2004-2008), 65 ± 11 (2009-2013) e 84 ± 7 (2014-2018). Inoltre, durante l’anno il maggior numero di ricerche si concentra nella stagione più calda mentre il picco più basso si registra nella stagione più fredda.

Pertanto nell'emisfero settentrionale o boreale, il picco delle ricerche si raggiunge a luglio-agosto, mentre nell'emisfero meridionale o australe il picco è intorno a gennaio. In quanto ai territori, ai primi posti si collocano i paesi dell'America Latina (12 dei 20 principali paesi) dove troviamo Porto Rico, Costa Rica, Argentina, Brasile mentre le Filippine con il 64% (14esimo posto) è l'unico paese asiatico tra le prime 20. Sempre nel periodo 2004-2018, gli Stati Uniti, con il 68%, sono all’11esimo posto mentre l’Italia, con 62%, si colloca al 16esimo posto, preceduta dall’Australia (64%, 15esima). Ultime due posizioni, UK (61%; 19esima) e Spagna (56%; 20esima).

È del tutto ovvio che Google Trends non è uno strumento epidemiologico e che quindi questi numeri non si traducono automaticamente nel numero di persone che hanno un tatuaggio. Questi numeri sono influenzati dalla facilità di accesso ad internet – non uguale in tutti i Paesi – così come dai messaggi che passano sui mezzi di comunicazione. Un personaggio famoso, uno sportivo, un cantante, un politico, ecc. - che in un determinato periodo mostra un tatuaggio, determinerà in quel Paese e in quel momento un picco su Google Trends che non necessariamente sarà rappresentativo del numero di persone tatuate.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto