Il prossimo 30 settembre è il termine ultimo per la presentazione telematica del modello Unico per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche.

Il modello unificato consente di presentare più dichiarazioni fiscali da parte dei contribuenti che sono tenuti sia alla dichiarazione dei redditi sia alla dichiarazione IVA.

Sono obbligati a presentare il modello Unico 2013 per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche: lavoratori dipendenti, lavoratori dipendenti che abbiano percepito dall’INPS o altri Enti indennità e somme a titolo di integrazione salariale o ad altro titolo, lavoratori dipendenti a cui il sostituto d’imposta ha riconosciuto deduzioni dal reddito e detrazioni d’imposta non spettanti in tutto o in parte, lavoratori dipendenti che hanno percepito retribuzioni e/o redditi da privati non obbligati per legge ad effettuare ritenute d’acconto (autisti, colf), lavoratori dipendenti ai quali il sostituto d’imposta non ha trattenuto il contributo di solidarietà, contribuenti che hanno percepito redditi sui quali l’imposta viene applicata separatamente, contribuenti che hanno percepito plusvalenze e redditi di capitale da assoggettare ad imposta sostitutiva, lavoratori dipendenti ai quali non sono state trattenute nella misura dovuta le addizionali comunali e regionali all’Irpef.

Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione del modello Unico: il contribuente che possiede solo redditi derivanti da abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati, lavoro dipendente o pensione, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, ivi compreso i lavori a progetto.

La presentazione può avvenire o direttamente, tramite i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, servizi telematici Fisconline e Entratel, o tramite intermediari abilitati, professionisti, CAF, associazioni di categorie.

In quest’ultimo caso l’intermediario che si occupa della presentazione, una volta inviato il modello Unico, deve rilasciare in un primo tempo una dichiarazione con l’impegno di trasmettere i dati del cliente all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni, in un secondo momento l’originale della dichiarazione firmata dal contribuente ed infine la ricevuta rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, che attesta l’avvenuta presentazione.

I contribuenti possono inviare, sempre entro il 30 settembre, il modello Unico anche dall’estero, a mezzo raccomandata.

Sempre entro il termine del 30 settembre i contribuenti avranno anche la possibilità di correggere eventuali errori (formali o sostanziali) contenuti nelle dichiarazioni già presentate, corrispondendo le relative sanzioni, se dovute, in via agevolata.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto