Nelle scorse settimane, hanno circolato nel settore televisivo diverse voci riguardanti un probabile tavolo di trattative aperto fra Mediaset e la francese Vivendi di Vincent Bolloré perla cessione di Mediaset Premium. Entrambe le parti hanno continuato a smentire la notizia, con il francese che si diceva"troppo impegnato" (soprattutto nell'acquisizione della maggioranza nelle azioni di Telecom) e Piersilvio Berlusconiche insisteva nel sostenere che a Cologno Monzese non c'era la minima intenzione di uscire dal mercato pay.

Alla fine, i fatti sembrano dare ragione a chi quelle indiscrezioni le diffondeva in quanto pare che sia vicinissimo un accordo fra le due parti: Vivendi acquisirà l'89% delle quote di Mediaset Premium (cioè tutte quelle che attualmente fanno capo a Mediaset) mentre il destino del restante 11%, che attualmente fa capo aTelefonica, non si conoscono ancora con esattezza le sorti; in realtà, la quota di minoranza potrebbe finire a sua volta in pancia al gruppo francese grazie al diritto di trascinamento che è previsto dallo statuto di Mediaset Premium nel caso in cui ilBiscione ne venda la sua intera quota.

I due CEO non hanno rilasciato commenti, ma i mercati azionari sembrano fiduciosi nell'operazione avendo premiato il titolo di Mediaset Premium con un +6,84% ieri, assestandosi a 3,622 euro per azione, e quello di Vivendi con +1,35%, raggiungendo 19,085 euro per azione.

L'unico nodo della trattativa che sembra quello più intricato e che deve ancora essere sciolto riguarda il prezzo: grazie proprio alla partecipazione di Telefonica nella pay tv, questa ha un valutazione complessiva che arriva a quota1 miliardo di euro, cifra dalla quale il gruppo di Berlusconi non sembra intenzionata di scostarsi; staremo insomma a vedere come si concluderà la vicenda.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Silvio Berlusconi

In ogni caso, è bene ricordare che Mediaset Premium detiene l'esclusiva per la Champions Leagueha superato i2 milioni di abbonatiregistrando, al termine dell'anno scorso, un +6% in termini di raccolta pubblicitaria e un arpu (ricavi medi per singolo abbonato) di 25 euro.

Numeri ancora distanti dalla concorrente Sky che però li ha visti scendere tutti nel 2015. Inoltre, Vivendi è già operativa nel settore delle pay tv con la franceseCanal + (che però è in perdita netta ormai da diversi anni) e avrà quindi la possibilità di creare delle interessanti sinergiea livello europeo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto