4

Ubi Banca potrebbe procedere all'acquisto di Banca Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio e Cassa di risparmio di Chieti, tre delle quattro cosiddette "Good Banks" originate dall'operazione di salvataggio operata dal governo lo scorso dicembre. 

L'istituto ha reso note le condizioni alle quali sarebbe disponibile a portare a termine l'acquisizione alla quale potrebbe seguire un aumento di capitale nell'ordine di 200-300 milioni.

Quelle Bank not so good

I mercati avevano reagito negativamente alle indiscrezioni inerenti l'interesse per l'acquisto dei tre istituti: il titolo UBI ha perso infatti circa il 15% in borsa nell'ultimo mese.

Il problema principale sembra essere rappresentato dalla ulteriore "pulizia" richiesta per i crediti deteriorati (Non Performing Loans #NPL).

In seguito al salvataggio operato dal Fondo di Risoluzione Nazionale (al quale ha contribuito la stessa UBI insieme a Unicredit e Intesa) lo scorso dicembre, le sofferenze dei quattro istituti, per un importo netto di circa 9 miliardi,  sono state trasferite in una  "Bad Bank" attualmente denominata REV gestione crediti. Allo stato secondo le verifiche effettuate dal potenziale acquirente sarebbero emerse ulteriori sofferenze per circa 1 miliardo.

Le condizioni per l'intervento

In considerazione della necessità di una "pulizia aggiuntiva" l'Unione delle banche popolari ha posto una serie di condizioni per portare a termine l'acquisizione: le due principali sono la possibilità di utilizzare immediatamente i modelli di rating interni per il calcolo delle attività ponderate per il rischio e il riconoscimento di un avviamento negativo (Badwill) ai fini regolamentari. Secondo quanto riportato dal Sole24 Ore ci potrebbe essere l'intervento del fondo atlante per rilevare le nuove sofferenze in carico agli istituti.

I migliori video del giorno

 

Continua pertanto il processo di ristrutturazione e consolidamento del sistema bancario italiano, che vede come altri fronti "caldi" la ristrutturazione del Monte dei Paschi. il rafforzamento patrimoniale di Unicredit, e i numerosi cantieri del mercato NPL.