Il nuovo anno è alle porte e sta per avere inizio un periodo molto atteso per gli italiani. Stiamo parlando degli amati Saldi invernali di inizio anno. Molti sono coloro che decidono di approfittare delle Offerte proposte in questo periodo per fare shopping a basto costo.

Tutte le date regionali

Ogni anno la febbre dei saldi arriva puntuale. Lo scorso anno Federconsumatori ha stimato che circa il 39% delle famiglie italiane si è dedicata allo shopping. In base alle statistiche, pare siano stati spesi circa 179 euro a famiglia. Le prime regioni dove avranno inizio [VIDEO] i saldi sono Basilicata e Valle da Osta, in cui i tanto amati sconti prenderanno il via il 2 ed il 3 gennaio.

Ritardataria sarà invece la Sicilia, che inizierà il periodo di promozioni dal 6 di gennaio. Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto, inizieranno il loro momento di saldi tutti a partire dal 5 di gennaio. In Veneto ed in Friuli Venezia Giulia, i saldi dureranno più delle altre regioni, dato che finiranno il 31 di marzo, in Campania le promozioni si protrarranno invece fino al 2 aprile.

Ecco alcune regole fondamentali

Per non incappare in spiacevoli inconvenienti, Federconsumatori ha stilato una lista di regole fondamentali per gli acquisti durante questo particolare periodo. Spesso e volentieri si può infatti incappare in finte offerte [VIDEO] e truffe, per cui bisogna stare allerta.

In primis, è cosa buona controllare sempre il cartellino del prodotto che vogliamo acquistare prima che quest'ultimo venga messo in sconto. Non bisogna inoltre mai soffermarsi al primo negozio o alla prima boutique, ma è importante fare un giro completo dei negozi per capire in quale conviene acquistare. Diffidate da quei negozi che propongono sconti troppo allettanti ed esagerati per essere veri. Sul cartellino del vostro capo devono inoltre essere riportati i prezzi iniziali e quelli in sconto.

E' importante conservare lo scontrino, anche se non tutti i commercianti garantiscono il cambio merci nei periodi di saldi. La merce, in particolare l'abbigliamento, deve essere dell'anno precedente e non vecchia di 2 o 3 anni. In caso di problemi è consigliabile rivolgersi a chi di dovere, in questo caso ai vigili urbani o ad un'associazione consumatori. Infine, è meglio acquistare in quei negozi che permettono ai loro clienti di provare i capi.