Per richiedere il bonus luce [VIDEO] e risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica sono previsti dei particolari requisiti. Lo sconto è, in particolar modo pensato, per tutte quelle famiglie che risulteranno in condizioni economiche disagiate. L’assegnazione delle agevolazioni non avviene automaticamente ma vanno richieste attraverso la presentazione di una serie di documenti e certificazioni attendibli.

Bonus luce: ecco come richiederlo

Il bonus luce [VIDEO] è uno sconto previsto per tutte quelle famiglie che risultano con un Isee non superiore ai 8.107,5. L’agevolazione è ugualmente prevista per quei nuclei familiari particolarmente numerosi e che risultino con più di 3 figli a loro carico e con una situazione economica certificata nell’Isee fino ai 20 mila euro.

Il bonus può essere richiesto anche in presenza, nel nucleo familiare, di soggetti che risultano in particolari condizione di salute e che possono accedere al bonus sociale per disagio fisico con apposita domanda.

I documenti per poter usufruire delle agevolazioni economiche previste dal bonus possono essere presentate al proprio comune di residenza o ai Caf presenti su tutto il territorio. Sarà importante portare con sé un valido documento di identità o una eventuale delega nel caso in cui la domanda venga presentata da un membro del nucleo familiare e non dall'intestatario della fornitura elettrica, la relativa attestazione della soglia Isee, il modulo A integralmente compilato, l’allegato CF che individui tutti i componenti del nucleo familiare relativi all’Isee presentato e inoltre prevista la presentazione anche dell’allegato FN che documenta l’effettivo stato di 'Famiglia numerosa'.

Infine è importante comunicare, in fase di domanda, anche il codice POD presente in bolletta che servirà ad accedere ad alcune informazioni importanti per l’iter burocratico dell’attivazione del bonus.

Bonus gas: requisiti e domanda

Il bonus gas, come nel caso di quello previsto sulla bolletta dell’energia elettrica potrà essere richiesto al proprio comune di residenza da tutti quei nuclei familiari con Isee non superiore a 8.107,5 euro, limite della soglia anche in questo caso aumentato poiché fino al 2016 era previsto fino ad un massimo di 7.500 euro. L’ accesso al bonus gas è previsto anche per quelle famiglie che risulteranno con più di 3 figli a carico e con un Isee che non superi i 20.000 euro. Il Bonus viene erogato su contratti di fornitura individuale di gas per residenti o a coloro che usufruiscono di impianti condominiale di tipo centralizzato. L’importo dipenderà dal tipo di nucleo familiare e dalla particolare fascia climatica stabilita dal proprio comune di residenza.