E' finalmente divenuto operativo, in base ad un comunicato dell'Anpal, l'Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, l'incentivo per l'assunzione di giovani disoccupati del Mezzogiorno d'Italia, meglio noto come Bonus assunzioni Sud. Questo nuovo incentivo all'occupazione mira a migliorare la situazione occupazionale, particolarmente, in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sardegna, Calabria, Puglia e Sicilia. Vediamo come richiederlo e a chi spetta.

Di cosa si tratta

In pratica, si tratta di un'agevolazione che può essere richiesta dai datori di lavoro del settore privato delle Regioni sopra menzionate e che procedono all'assunzione di giovani o disoccupati con determinati requisiti.

Nello specifico, gli assunti devono avere un'età compresa fra i 16 e i 34 anni. Possono essere assunti anche giovani con 35 anni d'età. Ma, in questo caso, questi devono essere rimasti disoccupati da almeno 6 mesi. Il bonus è valido per tutte le assunzioni effettuate nel corso dell'anno solare 2018. Quindi, dal 1 gennaio fino al 31 dicembre prossimo.

Quali fattori determinano il diritto al bonus

Per poter avere diritto al bonus il datore di lavoro deve verificare l'esistenza, in capo al lavoratore, di almeno una delle condizioni di seguito descritte.

Abbiamo già accennato alla disoccupazione di almeno 6 mesi. Può essere assunto, come tirocinante, anche chi non è diplomato. Può essere assunto, altresì, chi ha completato il processo di formazione da almeno 2 anni e non è stato ancora assunto per la prima volta. Possono, poi, essere assunti giovani in quei settori dove il differenziale di genere, tra uomo e donna, supera la media nazionale di oltre il 25%.

Per quanto riguarda le tipologie di contratto di lavoro a cui il bonus è applicabile, queste comprendono sia il contratto part - time che, come accennavamo, quello del tirocinio professionalizzante, come pure la trasformazione di un precedente contratto a termine in uno a tempo indeterminato.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

A questo proposito, è possibile applicare l'agevolazione anche all'assunzione a tempo indeterminato di un lavoratore precedentemente inquadrato come socio - lavoratore di una cooperativa.

Quali i benefici a cui si ha diritto

Per i datori di lavoro che procedono ad assunzioni secondo i parametri sopra descritti scatta un'agevolazione sui contributi previdenziali, esclusi i premi e i contributi inail, nell'ammontare massimo, per ogni assunto, di 8 mila e 60 euro annui da suddividere, ovviamente, in 12 mesi.

Ovviamente, la detrazione fruibile varia a seconda della tipologia di contratto utilizzato per l'assunzione. Ad esempio, nel caso del part - time sarà, proporzionalmente, minore. E, comunque, l'incentivo è fruibile al massimo entro il 29 febbraio 2020.

L'incentivo può essere richiesto dal datore di lavoro direttamente all'Inps attraverso il modulo scaricabile online dal sito dell'istituto. Dopo di che l'Inps procede ad una veloce istruttoria in cui verifica la presenza dei requisiti per l'erogazione dell'incentivo e ne dà comunicazione al datore di lavoro che ha 10 giorni di tempo per confermare la prenotazione e assumere il lavoratore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto