L'aumento del costo di benzina e diesel aveva già fatto preoccupare i consumatori italiani qualche mese fa, quando ci si apprestava a partire per le vacanze. Una situazione non isolata, visto che si sta ripetendo proprio adesso che le vacanze per molti sono finite: fare il pieno al proprio veicolo costerà ancora di più e il trend sarà lo stesso per i prossimi mesi del 2018. La situazione non è però critica ovunque: ci sono città infatti che hanno dei prezzi leggermente inferiori ad altri.

Ovviamente, a livello generale, il trend è quello di un aumento dei prezzi di benzina e diesel, che daranno cosi una mazzata a tutti i cittadini che hanno in loro possesso un veicolo.

Benzina e diesel: stangata per chi viaggia

La 'colpa' di questi aumenti verso l'alto del prezzo di benzina e diesel non può essere volta ad una persona o organizzazione in particolare: è il mercato internazionale a dettare legge.

Da un'analisi dei costi medi è emerso che il gasolio costa di più ad esempio a Trento o a Bolzano dove un litro viene venduto in media a 1,589 euro. Prezzi leggermente inferiori per il rifornimento nel Veneto, ma anche in Molise o nelle Marche. Il prezzo del diesel e della benzina è contenuto anche in Sicilia e in Abruzzo, mentre le pompe di Calabria e Liguria sono quelle nelle quali il costo sta facendo un balzo più alto rispetto a quello delle altre regioni. Occhio anche agli aumenti in Basilicata e Valle d'Aosta (1,522 euro/litro).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Moto

I prezzi aumentano: le principali compagnie coinvolte

L'argomento dei prezzi di benzina e diesel è sempre attuale e coinvolge i principali distributori italiani, come Tamoil, Eni, IP e Italiana Petroli: per queste compagnie, bisogna spendere di benzina circa 1,634 (per il self service) mentre il diesel va a 1,506 euro al litro, sempre con il fai da te. I prezzi sono sulla stessa scia per il servito: in media benzina a 1,748 euro, con diesel a 1,626 e metano a 0,963 al chilogrammo.

E se i prezzi sono cosi aumentati, chi è alla guida può cercare di risparmiare il più possibile sul carburante prestando attenzione al proprio veicolo (dunque controllare spesso che lo stato meccanico e delle gomme sia sempre al top), ma anche alle proprio manovre di guida, cercando di evitare atteggiamenti bruschi. Una precisazione da sottolineare è quella che riguarda il consiglio di fare rifornimento in pompe collocate presso centri commerciali e simili, che spesso consentono di risparmiare qualche centesimo di euro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto