In Europa si respira ottimismo sulla soluzione dei problemi cogenti. I responsabili del Governo Europeo cominciano a porsi domande e trovare insieme soluzioni, anche rettificando atteggiamenti del passato. Si levano voci importanti di apprezzamento, per le proposte del Governo italiano. Il Presidente della commissione Europea jean-Claude Junker ringrazia pubblicamente il presidente del Consiglio dei Ministri italiano Matteo Renzi per la nuova strategia sui flussi migratori, concordando con i nuovi strumenti di finanziamento, suggeriti per far fronte alla emergenza.

La Germania non condivide i tassi bassi

Con molte critiche della Germania, la Banca Centrale Europea (BCE) ha confermato i tassi d'interesse ai minimi storici.

Il Presidente Mario Draghi, alle stesse critiche, ha ricordato che il suo compito è quello di lavorare per l'Eurozona, e non per Berlino. Secondo la s.ra Angela Merkel, i tassi così bassi, danneggerebbero la Germania e ripete che non si può risolvere tutto con la politica monetaria, anche se molto importante. Dal canto suo, Matteo Renzi ha ribadito che Mario Draghi gode della stima e fiducia di tutta l'Eurozona. Finalmente l'Europa politica si scuote e comincia ad imboccare la strada giusta, per risolvere i maggiori problemi sul tappeto.

L'intervento di Martin Schultz

Anche il Presidente dell'Europarlamento Martin Schulz fa sentire la sua voce, per congratularsi con la proposta italiana, riconoscendo che i tempi sono maturi per abbandonare l'austerità, che è servita nel passato nell'azione risanatrice, per sistemare i bilanci, ma che ora bisogna cambiare rotta, per dare una spinta vera alla ripresa.

I migliori video del giorno

Non solo, ma per marcare la sua adesione al progetto, lo stesso Schulz ricorda che i socialdemocratici sono decisivi, sia in Europa che nel Governo di coalizione della Germania. Riconosce inoltre che le nuove forme di finanziamento con gli 'Africa Bond', proposte da Renzi, siano meritevoli di essere discusse in Europa.

Non si tratta di propaganda politica, ma di scelte di fondamentale importanza, e per questo motivo i socialdemocratici si impegneranno ad indicare all'Eu ed alla Germania in particolare, l'abbandono dell'austerità ed il sostegno a nuove forme di finanziamenti per lo sviluppo.