Federica Mogherini, Alto rappresentante per la politica estera Ue, ha affermato, durante un collegamento con il convegno dei Giovani di Confindustria, che le nazioni ostili all'immigrazione, ovvero quelle che realizzeranno barriere e sbarramenti di qualsiasi tipo per ostacolare i flussi migratori, verranno sanzionate dall'Unione Europea.

Bisogna rispettare le regole

In occasione dell'intervento-video al convegno dei Giovani di Confindustria, a cui hanno partecipato personalità del calibro di Emma Marcegaglia e Marianna Madia, la Mogherini ha ribadito che bisogna rispettare le regole, le quali non devono essere osservate solo in merito ai bilanci, ma in qualsiasi settore.

Devono essere le nazioni, tutte insieme, a stabilire le regole che, di conseguenza, non vengono imposte dall'alto.

L'Alto rappresentante per la politica estera Ue non ha tentennato minimamente davanti alle tante domande che le sono state rivolte dai giovani imprenditori di Confindustria riuniti a Santa Margherita Ligure. La Mogherini, mesi fa, aveva sottolineato l'inefficacia delle politiche nazionali nella gestione dei flussi migratori. L'accoglienza, secondo l'ex ministro per gli Affari Esteri, deve essere comune a tutti: non devono esistere Stati che accolgono ed altri che erigono muri. È necessario che ci sia collaborazione nella gestione delle "ondate" di migranti, altrimenti l'Ue rischia di implodere. Secondo la Mogherini, se cadesse Schengen si farebbe un enorme passo indietro, facendo svanire una delle più grandi conquiste ottenute dall'Europa negli ultimi anni.

I migliori video del giorno

Rottura tra la Mogherini e Renzi?

Molti, in passato, hanno parlato di un forte attrito tra il premier Renzi e la Mogherini. Quest'ultima, però, ha smentito tali rumors, sottolineando che con Renzi ci possono essere delle differenti vedute su determinate questioni, ma lui resta sempre il segretario del suo partito e capo del Governo di cui ha fatto parte. Insomma, Renzi e la Mogherini hanno obiettivi comuni anche in tema di immigrazione e gestione dei flussi migratori. Per entrambi, il dramma dell'immigrazione non è europeo ma africano e mediorientale, visto che i flussi provengono da Asia  e Africa.