Dopo Padoan e Cottarelli, a bocciare l'emendamento alla riforma delle PA, che dovrebbe mandare in pensione i docenti dei Quota 96, è la Ragioneria di Stato. 'Mancano le coperture' dichiara la Ragioneria, affermando che così com'è formulata la norma che permetterebbe ai quattromila docenti di andare in pensione, non si è in grado di assicurare la copertura di tutti. Ma come fanno a mancare le coperture?

Ci sono almeno due motivi che danno da pensare su questa affermazione che stronca le speranze, dopo che l'emendamento era stato approvato alla Camera.

Pensioni 2014 Quota 96: ma le coperture non c'erano?



I calcoli sulle coperture erano stati fatti tempo fa, e si era detto, dopo un no iniziale della ragioneria, che erano state trovate. Era stato affermato: 'Le coperture non mancano, niente più scuse'. Ora com'è che all'improvviso le coperture sono nuovamente sparite? É la domanda che si pongono tutti i 4.000 docenti Quota 96, ma anche chi da spettatore sta a guardare come si muove il Governo Renzi. I primi a polemizzare sulla questione sono proprio coloro che hanno firmato l'emendamento alla Camera, che in una nota osservano che quando l'Inps prevede 'quantificazioni enormi e irragionevoli', la Ragioneria approva, mentre in questo caso in cui i numeri dei pensionamenti sono inclusi nelle previsioni Inps, arriva la bocciatura.

Pensioni 2014 Quota 96: non è una modifica della legge Fornero

Altro punto di cui tener conto per quanto riguarda le coperture è che l'emendamento che riguarda i Quota 96 non costituisce una deroga alla legge Fornero, bensì la correzione di un errore in essa contenuto.

In base alle normative prima della riforma Fornero, i Quota 96 avrebbero raggiunto il diritto alla pensione tra il primo gennaio e il 31 agosto del 2012, quindi nel corso dell'anno scolastico 2011/2012. Possibile che non si possa correggere un errore che di fatto penalizza quattromila lavoratori della scuola? La preoccupazione grossa è che adesso se la norma dovesse essere modificata al Senato, dovrà passare un'altra volta alla Camera, con perdita di tempo e conseguenti rischi di conversione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Diteci pure cosa ne pensate in un commento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto