L'articolo 28 del Decreto Legislativo del Testo unico dei lavoratori impone dal 1 gennaio 2011 l'obbligo ad ogni datore di lavoro di predisporre, insieme agli organi di competenza, un piano per contrastare quello che è il crescente problema del 'burn-out' tra gli insegnanti.
L'Anief ha voluto ricordare come l'insegnamento sia una professione usurante, soggetta a patologie psichiatriche molto più che altre categorie che lavorano nell'ambito della Pubblica Amministrazione. Le ragioni sono da ricondurre al fatto che si tratta di una professione molto ripetitiva, nonchè alienante e lo stress professionale è frequentissimo tra i docenti. 
Sono numerose le cause che conducono al 'burn-out'. Eccone alcune:
  • rapporto, molto spesso conflittuale, con gli studenti e i genitori;
  • le classi sempre più numerose;
  • i rapporti, spesso difficili, con i colleghi di lavoro:
  • il precariato che produce ansia e incertezza per il proprio futuro;
  • lo stipendio che non soddisfa la quantità di lavoro svolto;
  • le continue proposte di riforma della Scuola e i 'minacciati cambiamenti' in peggio.


Il professor Vittorio Lodolo D'Oria ha più volte denunciato in passato i pericoli di Salute a cui sono sottoposti i docenti; tuttavia il Ministero dell'Istruzione continua ad ignorare questo problema e a non fare nulla per migliorare le condizioni psicofisiche dei docenti. Anche i sindacati, che dovrebbero stare dalla parte dei lavoratori non solo per altri tipi di problematiche professionali, dovrebbero interessarsi maggiormente di questa grave piaga rappresentata dal burn-out.  
Il numero di insegnanti che soffrono di problemi o disturbi mentali sono, purtroppo, in costante aumento e negli ultimi anni si è avuta una vera e propria impennata: oltre l'ottanta per cento dei docenti si dichiara stressato, senza contare tutti coloro che lamentano vere e proprie patologie. Ci sono almeno 24mila psicotici, nonchè 120mila sofferenti di forme depressive, nonchè innumerevoli casi di disturbo dell'adattamento e di personalità.
A complicare ulteriormente le cose, sono intervenute le riforme pensionistiche che hanno innalzato l'età della pensione delle donne a quasi dieci anni in più rispetto al passato. La maggior parte degli insegnanti sono donne e non dimentichiamoci che le donne, specie dopo la menopausa, incontrano con maggior frequenza malesseri, anche gravi talvolta. Nel sesso femminile, infatti, si è riscontrato, dopo i cinquant'anni, la presenza di gravi patologie psichiatriche o addirittura la comparsa di forme tumorali, riconducibili in un certo qual modo anche all'immunodepressione da stress cronico.
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!