La riforma del sistema previdenziale, da più parti auspicata, avverrà nei prossimi mesi attraverso dei piani di intervento graduali al fine di modificare l'attuale legge pensionistica. Le ultime notizie giunte dai 'piani alti' di Palazzo Chigi portano a pensare che la riforma della legge Fornero avverrà in maniera progressiva. Entro il prossimo mese, secondo quanto riportato dal sito internet pensionioggi.it, Tito Boeri, presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), di concerto con il ministro del welfare, Giuliano Poletti, metterà a punto una proposta che prevede la concessione di un assegno universale per gli over 55 che si trovano senza lavoro e che versano in condizioni di grave disagio economico.

Pubblicità

I provvedimenti che riformeranno l'attuale legge pensionistica saranno, probabilmente, inseriti nella prossima Legge Finanziaria

Subito dopo, l'attenzione del Governo Renzi si sposterà verso la riforma previdenziale vera e propria con la probabile applicazione di meccanismi di part time e turn over lavorativo allo scopo di dare flessibilità all'attuale normativa favorendo così il rilancio dell'occupazione, soprattutto giovanile, in questo periodo storico in cui la disoccupazione ha raggiunto livelli decisamente allarmanti. Questi eventuali provvedimenti saranno, quasi certamente, inseriti nella prossima Legge Finanziaria, in autunno.

Tra le proposte al vaglio del premier Renzi, Quota 100 e prestito pensionistico

Per fare questo, il governo si sta affidando alla competenza di Cesare Damiano e di Giuliano Poletti, i quali lavorano per consentire l'abbassamento dell'età pensionabile, così come evidenziato dal sito internet ilvelino.it. Tra le proposte che si trovano sul tavolo del premier, due sono quelle che potrebbero essere attuate: il sistema Quota 100, valore che i lavoratori dovranno raggiungere quale somma tra età anagrafica e contributi versati; prestito pensionistico, cioè quel sistema che permette di dare ai lavoratori, prossimi alla pensione un anticipo, che sarà poi restituito a rate al momento del raggiungimento dei requisiti.