Il DDL Scuola ottiene la fiducia in Aula al Senato, tra fischi, proteste e anche pianti da parte dei docenti. Come il maxiemendamento presentato dal PD ha modificato il testo originale? Come cambierà la scuola, dopo l'ennesima mossa 'antidemocratica' di Renzi? Proviamo a riassumere i punti fondamentali della riforma scolastica più odiata della storia.

Punti fondamentali del Ddl scuola, dopo il maxiemendamento

Rafforzamento dell'autonomia scolastica: le scuole avranno la libertà di autogestione dulle strutture, la didattica, i progetti formativi e i fondi.

Pubblicità
Pubblicità

Il monte ore viene rimodulato e la scuola deve garantire anche l'apertura pomeridiana.

Albi territoriali: saranno istituiti dal 2016.

Nomina docenti: sarà gestita interamente dal dirigente scolastico, che potrà offrire cattedre (dal prossimo anno) u sfruttale gli elenchi degli albi territoriali.

Diventare docenti: le graduatorie sono eliminate. L'accesso all'insegnamento avviene solo tramite piano straordinario di assunzione 2015 o tramite concorso, il cui accesso è consentito solo a chi è abilitato.

Pubblicità

Piano di assunzione precari 2015: saranno assunti coloro che sono presenti nelle graduatorie ad esaurimento (che verranno chiuse se saranno esaurite), i vincitori e gli idonei del concorso scuola 2012 (gli abilitati di seconda fascia GI restano esclusi). Metà saranno effettivi da subito e assunti con le vecchie modalità, l'altra metà inizieranno a insegnare e prendere lo stipendio dal prossimo anno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Ogni insegnante potrà scegliere se essere o meno di sostegno.

Concorso a cattedra: il prossimo concorso a cattedra, bandito entro quest'anno, garantirà l'assunzione a tempo indeterminato ai suoi vincitori. Potranno accedere solo coloro che sono abilitati per 'la classe di concorso o la tipologia di posto per cui concorrono'. Gli idonei saranno al massimo il 10 percento dei posti messi al bando (vedi altri dettagli).

Pof triennale: i piani dell'offerta formativa saranno triennali, anche se potranno essere modificati annualmente. A stabilirlo sarà il collegio dei docenti insieme al dirigente scolastico, con approvazione finale del Consiglio di istituto.

Valutazione presidi: il dirigente scolastico verrà valutato in base ai risultati ottenuti nella sua scuola. A farlo saranno ispettori del Miur.

Bonus annuale: confermato il bonus annuale da 500 euro che i docenti impiegheranno per la propria formazione, più il bonus al merito che verrà distribuito dal dirigente scolastico.

Pubblicità

Rimanete aggiornati sulla scuola, cliccando il tasto Segui in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto