La riforma Pensioni al centro dell'incontro di oggi tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini che nei mesi scorsi ha chiesto al Capo dello Stato un messaggio alle Camere sulla questione previdenziale. "Ho sottolineato al presidente Mattarella - ha affermato Salvini a margine dell'incontro al Quirinale - l'urgenza delle questioni pensioni e lavoro".

Pubblicità
Pubblicità

Riforma pensioni, Salvini ricevuto da Mattarella: ok al ddl flessibilità del Pd a firma Damiano

L'incontro con il Capo dello Stato è stato utile a Salvini per rilanciare oggi il possibile sostegno leghista alla proposta dell'area riformista del Pd contenuta nel ddl Damiano sulla pensione anticipata a 62 anni con penalità decrescenti. "Sulle modifiche alla riforma pensioni Fornero - ha aggiunto oggi il leader leghista ai microfoni di Radio Padania - gli ho detto di essere disponibile a discutere qualsiasi proposta.

Pubblicità

Come quella del Partito democratico - ha spiegato nell'intervista alla radio del Carroccio - a firma di Cesare Damiano, che prevede - ha ricordato Salvini - di riportare l'età pensionabile a 62 anni". A chiedere l'abbassamento dell'età pensionabile anche il leader della Coalizione Sociale Maurizio Landini.

Pensioni e lavoro, Landini (Fiom Cgil): prevedo autunno piuttosto agitato

"Prevedo - ha detto oggi il segretario generale della Fiom Cgil parlando della riforma pensioni - un autunno piuttosto agitato e movimentato se il governo - ha spiegato il dirigente sindacale - continua a non voler ascoltare nessuno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Salvini

Il governo Renzi - ha aggiunto Landini a margine di una iniziativa oggi a Bari - non convoca i sindacati e fa finta che non esistano". Il fondatore della Coalizione Sociale che raggruppa associazioni e movimenti in uno nuovo spazio di confronto che non è un partito politico ribadisce che l'aumento dell'età per l'accesso al pensionamento, i tagli agli assegni previdenziali, il blocco dei contratti e le privatizzazioni, così come libertà degli imprenditori sui licenziamenti introdotta dal Jobs act, "vanno nella direzione opposta - ha evidenziato il leader dei metalmeccanici della Cgil - di quello che noi avremmo bisogno".

La riduzione dell'età pensionabile e il ripristino delle pensioni di anzianità senza penalizzazioni sono il cavallo di battaglia di Maurizio Landini. Nel frattempo, in tema di pensioni, è atteso per oggi il voto finale per la conversione in legge del decreto sui rimborsi degli assegni pensionistici. Già concluso l'esame degli emendamenti in aula a Palazzo Madama, sono in corso le dichiarazioni di voto dei diversi gruppi parlamentari.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto