Le polemiche attorno alla riforma scolastica non sembrano placarsi. Dopo gli scioperi, le manifestazioni e altre forme didissenso, ora tocca ai ricorsi. L'ANIEF, l'associazione sindacale professionale, e il Movimento 5 Stelle, sono sul piede di guerra e sono molto agguerriti, così tanto da promuovere diversi ricorsi contro la Buona Scuola. Vediamo come si stanno muovendo.

L'ANIEF si mobilita controil Piano straordinario delle assunzioni

Dopo il ricorso per l'inserimento al GaE degli abilitati non inseriti, come ad esempio di diplomati ante 2001, ora l'ANIEF sta ricorrendo contro il Piano straordinario delle assunzioni per l'ammissione docenti abilitati non inseriti in GaE.

A tale ricorso possono parteciparegli insegnanticonabilitazione all'insegnamento, ossia TFA, PAS, Laurea in Scienze della Formazione Primaria, Diploma magistrale abilitante fino all'anno scolastico 2000/2001 o altra abilitazione purché non siano inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e, quindi, esclusi dal piano straordinario di assunzioni di cui alla Legge 107/2015, più nota come "Buona Scuola".

IlMovimento 5 Stelle ha depositato una mozione costituzionale

L'altro ricorso, questa volta costituzionale, vede come protagonistail Movimento 5 Stelle della Regione Veneto. I consiglieri del M5S hanno giàdepositato la mozione per fare ricorso alla Corte Costituzionale contro la riforma della scuola del Governo Renzi. I consiglieri dei 5 stelle intravedono dei tratti di incostituzionalità nella chiamata diretta degli insegnanti da parte dei dirigenti scolastici, l'alternanza scuola lavoro e l'autonomia degli organi collegiali rispetto al dirigente scolastico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola M5S

Chissà quali riscontri ed effetti concretiquesti ricorsi avranno queste riforme, comunque sono delle azioni contro la riforma scolastica voluta da Matteo Renzi che dovrebbero far riflettere sul suo operato riguardo la scuola. E' bene cambiare e modernizzare le istituzioni, ma occorrerebbe anche sentire le continue proteste di chi lavora in quel settore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto