Forza Italia torna ad attaccare il premier sulla riforma Pensioni, il dialogo con i pensionati continua ad essere uno dei cavalli di battaglia degli azzurri guidati dal presidente Silvio Berlusconi che recentemente ha proposto l'abrogazione della legge Fornero sollecitando e promettendo l'aumento delle pensioni minime a mille euro al mese e la loro estensione anche alla casalinghe. E' adesso arrivata l'ora di "dire basta all'annuncite cronica di Renzi", ha detto oggi la parlamentare di Forza Italia Renata Polverini impegnata sul fronte delle proposte per rivedere il sistema previdenziale e il mercato del lavoro.

Riforma delle pensioni, Polverini: Renzi promette e non mantiene

Il premier Matteo Renzi, che in questi mesi ha più volte annunciato e promesso che nella prossima manovra economica e finanziaria sarà ritoccata la legge Fornero per inserire nuovi criteri di ingresso alla pensione anticipata, "é molto bravo - ha detto la Polverini - nel fare promesse senza mantenerle". Ma anche "nel comunicare molto - ha aggiunto - senza poi passare ai fatti. Oltre ai mancati interventi per la riforma delle pensioni, la Polverini critica anche i nuovi annunci su Mezzogiorno, la mancata approvazione di una nuova legge elettorale e la perdita di tempo sulla legge per le coppie di fatto e le unioni civili che prevede, tra l'altro, anche l'estensione alle coppie gay della pensione di reversibilità.

"Tranne che per la Pubblica amministrazione e la riforma della scuola che comunque necessitano ancora di diversi decreti attuativi - ha sottolineato la vice presidente della commissione Lavoro pubblico e privato della Camera - nulla é stato veramente portato a termine".

Decreto pensioni, Ugl: rimborsi Poletti insufficienti, pronti i ricorsi

Mentre si continua a infiammare sempre di più il dibattito sulla riforma pensioni, continua la protesta dei sindacati contro i rimborsi parziali previsti dal decreto Poletti.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni Matteo Renzi

"I rimborsi parziali a copertura di quanto dovuto per il 2012 e il 2013 - ha ribadito oggi il leader dell'Ugl Francesco Paolo Capone - sono insufficienti, e lo dimostra anche una ricerca condotta dall'Iper-Ugl''. Il sindacato è oggi in piazza in diverse città italiane come forma di protesta ma anche per assistere gratuitamente i cittadini che volessero presentare ricorso contro il decreto pensioni per chiedere il rimborso totale e non parziale della mancata rivalutazione degli anni scorsi. Queste le ultime notizie di oggi sul fronte delle pensioni dopo i "passi avanti" registrati ieri in commissione Lavoro a Montecitorio sulla possibile estensione dell'Opzione contributivo donna.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto