Nella discussione sulla riforma della previdenza si registra un nuovo incontro tra il Presidente Inps Tito Boeri e i rappresentanti di Cida, Cosmed e Confedir  in difesa delle posizioni dei lavoratori che operano come dirigenti nel comparto privato ed in quello pubblico. L'obiettivo del confronto riguardava l'approfondimento delle problematiche e dei punti di discordia in merito agli scenari pensionistici, con particolare riferimento alle vicende inerenti "il ricalcolo delle Pensioni in essere, la flessibilità di accesso al pensionamento, la distinzione tra previdenza e assistenza, l'equità negli interventi sul sistema pensionistico, l'incentivazione della previdenza integrativa e le ricongiunzioni delle posizioni contributive e della reversibilità".

Pubblicità
Pubblicità

Presidente Inps Boeri pronto al confronto e a riportare le richieste dei lavoratori al Governo

Durante l'incontro sono stati evidenziate anche le problematiche relative a chi ha già ottenuto l'assegno di quiescenza, con particolare riferimento ai blocchi delle rivalutazioni Istat decisi nel 2011 dal Governo Monti e agli aggravi dovuti ai diversi prelievi di solidarietà, esprimendo anche la preoccupazione per futuri interventi in tal senso. Il riscontro del Presidente Inps Tito Boeri non è mancato, avendo egli stesso ringraziato per i suggerimenti posti alla sua attenzione.

Pensioni: le novità su quota 97, 41 e contributivo
Pensioni: le novità su quota 97, 41 e contributivo

L'economista ha inoltre dato la propria disponibilità nel riferire all'esecutivo le osservazioni poste alla sua attenzione e nel discuterle con i membri del Governo durante i prossimi confronti sulla previdenza.

Riforma delle pensioni, resta situazione di stallo sul tema della flessibilità

Nel frattempo resta ancora in stallo la questione dell'introduzione di una misura strutturale di flessibilità nell'accesso alle pensioni. Il dibattito sembra essersi congelato nella prima metà del mese di luglio, quando il Governo ha riferito di aver raccolto le proposte in essere e di aver avviato un'istruttoria al riguardo, per decidere quale meccanismo possa risultare come migliore compromesso tra le esigenze dei lavoratori e quelle di tenuta dei conti.

Pubblicità

La soluzione effettivamente scelta dovrebbe arrivare non oltre la prossima legge di stabilità, perché l'esecutivo si pone l'obiettivo di introdurre la norma ad ottobre, per renderla infine disponibile già a partire da gennaio 2016. 

Uscita flessibile con quota 97 o 41 anni per i precoci verso contributivo dai 58 anni

Lo scontro maggiore sembra restare quello tra le proposte in arrivo dalla Camera dei Deputati e quelle suggerite dal Presidente dell'Inps Boeri.

La Commissione lavoro vorrebbe infatti garantire il pensionamento anticipato con la cosiddetta quota 97 (62 anni di età più 35 di versamenti e una penalizzazione del 2% l'anno), mentre per i lavoratori precoci suggerisce l'adozione dell'uscita con 41 anni di versamento senza ulteriori penalità. Al contrario, Boeri vorrebbe garantire il prepensionamento già a partire dai 58 anni di età, sebbene con il ricalcolo contributivo della mensilità. Per gli ultra 55enni si starebbe invece pensando ad un reddito di welfare da percepire una volta che risultano terminati gli altri strumenti di tutela.

Pubblicità

Come da nostra abitudine, vi ricordiamo la possibilità di condividere le vostre idee con gli altri lettori del sito tramite l'aggiunta di un nuovo commento, mentre per ricevere tutte le prossime novità sulle pensioni vi suggeriamo di utilizzare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Leggi tutto e guarda il video