La famosa società statale in questi giorni ha dato l’annuncio: a breve sarà quotata in borsa. Il gruppo Poste Italiane promette un piano di assunzioni che sarà messo in atto nei cinque anni successivi all’entrata in borsa.  Nei primi mesi dell’anno i primi lavoratori saranno assunti grazie alla riforma e al mercato che vede già assunti tremila giovani con contratti principalmente a tempo determinato.  Proprio per la stagione estiva sono stati presi portalettere nuovi per coprire il turno estivo. Non mancano gli assunti a tempo determinato per lo smistamento e le consulenti finanziarie.

Pubblicità
Pubblicità

Distribuzione nuove assunzioni Poste Italiane

Le ottomila assunzioni promesse avverranno principalmente nel settore della corrispondenza, con contratti a tempo determinato e indeterminato.  All’incirca i posti saranno così distribuiti:

  • 2500 postini
  • 600 consulenti finanziari nel settore degli investimenti e del risparmio

Poste Italiane: contratti entro il 2015

Degli 8000 posti di lavoro seimila contratti saranno stipulati solo nel 2015 e di questi almeno 500 passeranno da contratto a tempo determinato a indeterminato. È una notizia decisamente incoraggiante per l’economia del paese. Ottomila assunzioni sarebbero una boccata d’aria per i giovani in cerca di lavoro.

Pubblicità

Come candidarsi per l’assunzione in Poste Italiane?

Chi è interessato può collegarsi sul portale della società nella sezione “lavora con noi” e inserire il proprio curriculum. Saranno disponibili diverse mansioni in varie città italiane.  Ricordate che l’azienda cerca spesso personale, quindi potrete inviare anche delle autocandidature.  Aggiornate il curriculum spesso, così da avere più possibilità per le diverse mansioni. Il curriculum una volta inoltrato resterà disponibile nel database dell'azienda.

Non rammaricatevi se non sarete chiamati subito per un colloquio, è possibile essere assunti in un secondo momento quando, servirà altro personale.

Ricordo che gli annunci lavorativi sono rivolti ad entrambi sessi secondo la legge 903/77 e 125/91 (tranne ove specificato).

 

Leggi tutto e guarda il video