Vendite a picco e rischio di migliaia di posti di lavoro, è questa la conseguenza dell’allarme lanciato dall’organizzazione mondiale della Sanità in merito al cancro legato al consumo di insaccati e carni rosse. Un grandissimo tsunami scatenato dai media e che provoca la messa in ginocchio di tutto il comparto agroalimentare e delle attività delle industrie ad esso connesse. Coldiretti, insieme a Fiesa Confesercenti, stanno cercando di arginare il panico generale. GianPaolo Angelotti, presidente di Fiesa Confesercenti, ha affermato che le carni rosse vendute hanno già subito un calo pari al 20%, ripercussione che potrebbe presto associarsi alla riduzione di parecchi posti di lavoro.

Coldiretti su carni cancerogene: Falsi allarmi, lavoratori a rischio

Anche la Coldiretti si unisce alle preoccupazioni di Fiesa Confesercenti. In una dichiarazione, ilpresidente Roberto Moncalvo sottolinea come questi allarmi immotivati sul consumo di carne mettono in pericolo ben 180mila posti, in un settore veramente importante per il "MadeinItaly", che vale 32 miliardi di euro.Lo studio condotto dall’OMS, ha continuato il presidente dell’associazione, sta creando allarme immotivato in Italia, in quanto la nostra carne è molto controllata, a differenza dei prodotti veramente sotto accusa, ovvero bacon e hot dog importati.

Le associazioni di categoria: "Attacco al Made in Italy"

Continua la difesa del presidente della ColdirettiMoncalvo, a difesa degli imprenditori agricoli del nostro Paese e del modello di allevamento italico. "In Italia si consumano prodotti stagionali, freschi e locali, tipici della dieta mediterranea, che ci ha regalato ottimi risultati sulla longevità dei nostri connazionali". Le nostre carni, ha aggiunto, sono sane e più magre, e a differenza di quelle americane non sono trattate con gli ormoni".

Anche Angelotti, presidente della Fiesa Confesercenti, torna sul rischio di perdita dei posti di lavoro,affermando che non possono rimetterci sempre i macellai, come nell'ormai passato allarme mucca pazza. "Ci vogliono delle sicurezze che vanno oltre", ha concluso.

Segui la nostra pagina Facebook!