Proseguono le dichiarazioni dei sindacati sui temi del welfare e della previdenza, due nodi importanti che hanno visto l'arrivo di nuove misure con la legge di stabilità 2016. "Non è stato previsto nessun meccanismo di uscita anticipata dei pensionandi stretti nelle maglie della Fornero, eppure vi sono diverse proposte di legge con costi sostenibili per lo Stato" spiega durante un'intervista Francesco Paolo Capone, come esponentedell'Unione generale del lavoro (UGL). Secondo il rappresentante dei lavoratori, esistono già oggi dei meccanismi utili per favorire la flessibilità in ingresso nell'Inps, con un impatto ridotto per le casse pubbliche e penalizzazioni limitate per i lavoratori.

In merito al part time agevolato e all'opzione donna, l'Ugl condivide le misure utili ad ottenere il pensionamento, seppure le definisce come "timide" e "costose". "Dobbiamo arrivare ad una revisione più strutturale che permetta l'uscita anticipata dal lavoro rispetto alle limitazioni previste dalla Fornero".

Riforma pensioni, mancata flessibilità resta tallone d'Achille del Governo

Stante la situazione, per il Segretario Generale Ugl Capone "il tallone di Achille del Governo Renzi è rappresentato dall'insieme delle riformeeconomiche: sia quelle concluse, come la cosiddetta riforma del lavoro, sia quelle rinviate, come la flessibilità in uscita in tema di previdenza".

Il sindacalista ricorda come l'avvio dei prepensionamenti "avrebbe potuto risolvere definitivamente tutte le questioni aperte", a partire da quella degli esodati e dei disoccupati in età avanzata fino a quella dei lavoratori quota 96 della scuola e delle lavoratrici vicine alla pensione. Tanto che l'Ugl evidenziacome un errore le azioniportate avanti dall'esecutivo fino ad ora, visto che le riforme istituzionali hanno diviso il Paese mentre la priorità dovevano essere lavoro e previdenza.

Come da nostra prassi, vi ricordiamo la possibilità di condividere con gli altri lettori del sito le vostre idee e opinioni rispetto alle vicende che vi abbiamo riportato tramite l'aggiunta di un nuovo commento. Mentre qualora desideriate ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sul tema della riforma previdenziale vi suggeriamo di utilizzare il comodo pulsante "segui" che vedete in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!