C'è un confronto aperto e "proficuo" sulla riforma Pensioni e le questioni legate al lavoro tra l'Inps e il Governo Renzi. Lo ha detto oggi il presidente dell'Istituto nazionale per la previdenza sociale, Tito Boeri, negando scontri con il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, a proposito del piano dell'Inps per la revisione del sistema pensionistico. Come si ricorderà, la proposta di Boeri, prevede in linea generale i tagli alle pensioni alte l'introduzione di nuove forme di flessibilità in uscita verso la pensione anticipata.

Previdenza e lavoro, tra Boeri e Poletti 'interlocuzione costante e proficua'

Le critiche più aspre sono state rivolte da Boeri a proposito del primo punto, poiché nei tagli ipotizzati potrebbero finire non solo le pensioni d'oro ma anche quelle medio-alte calcolate col sistema retributivo. Ma con l'esecutivo non c'è stato nessun scontro, semmai, c'è stata con il ministro Poletti "un'interlocuzione costante molto proficua - ha spiegato oggi Boeri intervistato da Maria Latella per Sky Tg 24 - sui temi del lavoro e delle pensioni".

A proposito del piano di riforma pensioni presentato da Boeri al governo e illustrato lo scorso giugno, il presidente dell'Inps ha spiegato di averne discusso con il ministro Poletti prima di rendere pubbliche tutte le proposte.

Polemiche tra Inps e Governo Renzi per il mancato invio delle buste arancioni

In merito alle proposte dell'Inps sulle pensioni consegnate a Palazzo Chigi, Boeri ha aggiunto di averne "parlato con Poletti prima di renderle pubbliche".

Boeri, tuttavia, non manca di polemizzare col governo per il mancato invio delle cosiddette buste arancioni. Sul mancato invio di tutte le 'buste arancioni' dell'Inps che consentono ai lavoratori di avere tutte le informazioni necessarie con le relative simulazioni della loro pensione. "Ci sono voci che dicono - ha detto il presidente dell'Inps - che sia stato fatto perché noi abbiamo proposto di tagliare i vitalizi.

Se fosse vero - ha sottolineato - sarebbe un fatto gravissimo".

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!