Tommaso Nannicini, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, parla della flessibilità pensionistica e assicura che il governo Renzi potrebbe affrontare questo tema nella prossima legge di Stabilità. Nanniciniperò fa capire che l'intervento è da verificare perché è da sciogliere il nodo dei costi dell’operazione. Il sottosegretario ha aggiunto che ci vorrebbero dai 5 ai 7 miliardi all'anno da inserire nella prossima manovra finanziaria. Queste risorse non sono facili da reperire perché bisogna liberare ancora delle clausole di salvaguardia.

Secondo Nannicini la sfida è il taglio strutturale del cuneo contributivo per tutti i lavoratori a tempo indeterminato.Il quotidiano romano il Messaggero, che ha intervistato Nannicini, ipotizza che le penalizzazioni potrebbero essere nell'ordine dell'11% in linea con quelle ipotizzate da Boeri e Damiano. Si potrebbe accedere alla pensione con una età anagrafica di 62 o 63 anni.

Cesare Damiano

Cesare Damiano si è detto entusiasta per l'apertura fatta da Nannicini e propone di organizzare, a breve, un confronto per dibattere il tema pensionistico.

L'ex ministro ha detto di essere pronto a presentare anche un emendamento che liberi definitivamente il problema delle Pensioni di reversibilità cancellando, dalla legge delega sul contrasto alla povertà, all'art.1 il comma 1 lettera B. L'emendamento avrebbe l'effetto di eliminare ogni equivoco sulla volontà del governo di non intervenire sulle pensioni di reversibilità.

I Sindacati

I sindacati hanno chiesto al governo di aprire un tavolo sul quale dibattere i problemi delle pensioni.

Secondo il segretario confederale della UIL, Domenico Proietti i sindacati temono che si inizi di nuovo a perdere tempo e a non voler affrontare la riforma. La triplice ha presentato delle proposte ma il governo fino ad ora non ha dato nessuna risposta. Proietti è inoltre convinto che la riforma sarebbe attuabile perché l'Italia si trova nelle condizioni di avere una spesa delle pensioni sostenibile perché si attesta intorno al 10-15% del PIL.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!