Miur e sindacati sono ancora al lavoro per la definizione del CCNI sulla mobilità 2016/17, ma le fasi sono già delineate e sono state anticipate più volte: quale sorte aspetta i docenti assunti nelle fasi B e C del piano straordinario di Renzi? Al contrario di quello che molti pensavano, non vi sarà una distinzione netta fra la mobilità delle due categorie di assunti di quest'anno. Dopo che per questo anno scolastico si sono visti assegnare una sede provvisoria, entrambe le categorie avranno diritto solo alla titolarità su ambito e la mobilità sarà a livello nazionale.

Docenti fasi B e C: la mobilità 2016/17 con e senza domanda

La fase della mobilità 2016/17 che interessa i docenti assunti nelle fasi B e C è la terza, che avviene su territorio nazionale e su tutti i posti vacanti e disponibili rimasti dalle fasi precedenti, compresa la mobilità professionale provinciale. I docenti assunti da GM hanno la precedenza, in quanto avranno la sede definitiva nella provincia di assunzione. Gli ultimi in fila, quindi, sono proprio i docenti delle fasi B e C assunti dalle Graduatorie ad Esaurimento.

Per loro niente titolarità su scuola, ma solo su ambito. La domanda, in cui si potranno esprimere le proprie preferenze, non è obbligatoria, però chi non la presenta si vedrà assegnare la sede definitiva d'ufficio, sempre su base nazionale. Come avviene l'assegnazione d'ufficio? Nel primo ambito disponibile, cominciando da quelli che si trovano nella provincia in cui sono stati immessi in ruolo e procedendo poi sul principio della vicinanza.

Tali docenti verranno però trattati con punteggio zero. Chi presenta domanda, invece, avrà la possibilità di indicare tutti gli ambiti nazionali. Chi non inserisce le preferenze su tutte le province, le vedrà inserite automaticamente dal sistema. La domanda non è obbligatoria ufficialmente, ma sicuramente il modo in cui è impostata la mobilità 2016/17 la rende decisamente più conveniente rispetto all'assegnazione d'ufficio.

Resta aggiornato sulla mobilità e sulle altre notizie della Scuola, cliccando il tasto Segui in alto vicino al titolo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!