Il tema delle Pensioni flessibili e dei privilegi nelsistema previdenziale torna al centro del dibattito sulla riforma del settore, grazie ad una nuova intervista di Famiglia Cristiana al Presidente Inps Tito Boeri. Per il tecnico, la soluzionedella flessibilità in uscita dal lavoro deve accompagnarsi ad un nuovo patto generazionale, perché le attuali condizioni di pensionamento pongono dei limiti non solo alle persone in età avanzata ma anche ai giovani, che faticano ad inserirsi nella vita attiva.

La soluzione è quella di garantire ai pensionandi degli strumenti di anticipazione nell'ottenimento della quiescenza rispetto agli attuali requisiti, "il che significa permettere il pensionamento a chi accetta quiescenze più basse, sapendo che le riceverà più a lungo". Questo meccanismo potrebbe favorire anche l'occupazione giovanile, fornendo al tempo stesso delle possibilità di modernizzazione e di efficientamento alle imprese.

Riforma pensioni 2016: puntare su operazione trasparenza, busta arancione e stop ai privilegi

Tra le altre tematiche toccate all'interno dell'intervista ricordiamo quella dell'operazione trasparenza avviata dall'Inps con la Presidenza Boeri. Strettamente connessa anche la vicenda della busta arancione, con l'obiettivo di inviare ai contribuenti un estratto conto del montante accumulato ed una proiezione sulla futura mensilità della propria pensione.

Resta poi la delicata questione della lotta ai privilegi pensionistici, laddove "il Parlamento ha cambiato le regole per il futuro, ma i trattamenti già in essere non sono stati toccati". Particolare attenzione anche per il welfare, con la proposta di riordinare le prestazioni assistenziali e fornire dei nuovi meccanismi di sostegnoper coloro che si trovano in situazioni di disagio tra i 55 ed i 65 anni, una fascia di età nella quale diventa molto difficile reinserirsi lavorativamente.

In questo senso, si pensa "ad un reddito minimo per famiglie con almeno un componente con più di 55 anni", per integrare le prestazioni assistenziali in favore della lotta alla povertà.

Come da nostra prassi, restiamo in attesa di conoscere le vostre opinioni sulle vicende riportate nell'articolo tramite l'aggiunta di un nuovo commento, mentre per restare aggiornati sul tema delle pensioni vi ricordiamo la possibilità di utilizzare la funzione "segui" disponibile vicino al titolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!