I sindacati tornano a fare quadrato sul tema della previdenza, chiedendo al Governo di intervenire per favorire il reperimento di nuove soluzioni alle tante situazioni di disagio che continuano a caratterizzare il comparto. "Sulle pensioni non pensino che ci fermeremo, saremo come la goccia che scava la roccia" ha spiegato la leader della Cgil Susanna Camusso, affiancata dai rappresentanti di Cisl e Uil durante un recente intervento tenutosi a Perugia.

La sindacalista ha rimarcato l'assoluta necessità di dare finalmente concretezza alle "tante promesse del Governo", che finora "non sono state mantenute". Per questo motivo, è tornata a chiedere un riscontro dall'esecutivo, al fine di riaprire un tavolo negoziale e di avviare una nuova riforma flessibile del sistema, pena la continuazione della mobilitazione dei lavoratori nelle piazze italiane.

Riforma pensioni, parti sociali chiedono una convocazione al Ministro Poletti

Stante la situazione, la richiesta unanime dei sindacati è di essere accolti dal Ministro Poletti per poter finalmente riaprire il capitolo delle Pensioni e rivederne i nodi più caldi, rimasti ancora irrisolti.

"Alla luce delle discussioni di questi giorni sulle pensioni e delle dichiarazioni del Ministro Poletti [...] vorremmo ricordare al Ministro che dopo le nostre tante battaglie, la no tax area è stata innalzata e non abbassata per adeguarla a quella dei lavoratori dipendenti" spiega Gigi Bonfanti della Cisl. "Questo però non si traduce in un aumento di tutte le pensioni, ma in una riduzione delle imposte sul reddito per la maggior parte dei pensionati".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Sulla questione della flessibilità e sulle altre questioni previdenziali, la Cisl ricorda al Ministro Poletti "il protocollo di intesa che ha firmato con noi, Spi Cgil e Uilp Uil", chiedendo una nuova convocazione. Mentre la Uil aveva già sottolineato a fine febbraio i propri timori sul "balletto portato avanti per tutto il 2015 dal Governo, fatto di annunci sulla volontà di introdurre la flessibilità con la prossima legge di stabilità: bisogna affrontare subito questo tema", aveva affermato Proietti, chiedendo di dare finalmente attuazione agli annunci.

E voi, cosa pensate delle dichiarazioni che vi abbiamo riportato? Fateci conoscere la vostra opinione condividendo un nuovo commento nel sito, mentre per ricevere tutte le prossime notizie di approfondimento sulla riforma delle pensioni potete utilizzare il comodo pulsante "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto