La domanda di messa a disposizione permette al docente di presentare la propria disponibilità alle scuole della secondaria di II grado un una determinata materia per la ricezione di una proposta di incarico estivo. Infatti, al seguito del termine delle lezione il 10 giugno, con calendarizzazione solitamente nel mese di marzo, l'organico della Scuola è già a conoscenza delle date di espletamento degli esami degli alunni a cui lasceranno i debiti formativi. I corsi di recupero estivi sono avviati a sostegno degli studenti che presentano delle determinate lacune in discipline basilari, come la matematica e l'italiano, e/o fondamentali per l'indirizzo scolastico.

Pubblicità

Come fare dunque per inviare un'istanza che permetta di essere scelti come docenti per uno di questi corsi?

Corsi di recupero estivi, come fare domanda

Per avere l'opportunità di ricevere una proposta di incarico per lo svolgimento di uno dei corsi di recupero estivi, che solitamente si svolgono alla fine del mese di giugno e nel mese di luglio per esteso, è necessario inviare il modello di domanda di messa a disposizione o anche conosciuto con il nome di Mad, reperibile su internet ricercando con google e sul sito del Ministero; compilarlo in ogni sua parte e inoltrarlo in tutte le scuole secondarie di II grado in cui si intende svolgere i corsi di recupero.

Non c'è una regola sulla scelte delle scuole, anche se in linea generale, le scuole in cui si svolgono maggiori corsi di recupero estivi sono i licei, linguistico, scientifico e classico, anche se ultimamente anche gli Istituti Tecnici si stanno facendo strada. L'invio è preferibile sia effettuato a mano, in modo da ottenere anche il numero di protocollo della vostra domanda, e poi anche perché sarà più facile chiedere informazioni in segreteria anche sulle discipline per cui si intende attivare i corso di recupero.

Pubblicità

Magari non avete considerato qualche materia per cui potete, per titolo o per classe di concorso partecipare. Attenzione dunque però perché non per tutte le materie vengono attivati i corsi di recupero ma non sarà un costo se proverete ad inviare la vostra Mad anche via mail (magari se non avete abbastanza tempo per fare tutti i giri delle scuole). Potreste anche pensare di collegarvi al sito delle istituzioni in cui intendete inviare la messa a disposizione e verificare se c'è qualche annuncio o notifica sui possibili corsi di recupero in attivazione.

Quanto sono pagati i corsi di recupero

Altra informazione da tenere in considerazione, è che è possibile che la scuola attivi i corsi di recupero, retribuiti 50 euro orari al lordo o che invece attivi lo sportello didattico, retribuito 38 euro al loro all'ora. Solitamente il numero delle ore proposte al docente va da un minimo di 10 a 15, anche se delle volte abbiamo ricevuto delle proposte di incarico di 8 ore come di 25 ore. Questo dipende dai fondi in possesso della scuola e dalla materia: italiano e matematica, come anche il latino e il greco sono tra le discipline più gettonate, ma anche l'inglese.

Pubblicità

Del resto anche i docenti che impartiscono ripetizioni richiedono come compenso un minimo di 25-50 euro all'ora, ciò dipende anche dalla regione e dal raggiungimento della sede in cui si svolgeranno le lezioni. Che differenza c'è dunque tra corsi di recupero e sportello didattico? In effetti quasi nessuna, anche se in teoria il corso di recupero prevede la revisione di tutti gli argomenti svolti durante l'anno mentre nello sportello didattico è l'alunno a chiedere di volta in volta all'insegnante che cosa vorrebbe che spiegasse del programma svolto. Preparate dunque ora la vostra Mad, previo possesso dei requisiti per l'insegnamento di determinate materie e cdc, e continuate a seguirci per restare sempre aggiornati sul mondo della scuola, cliccando su 'segui' in alto alla vostra sinistra.