Sta crescendo la protesta dei docenticontro il bonus di merito istituito con la Buona Scuola di Renzi. Il principio di fondo è che non ci sono docenti di serie A o di serie B, come affermato dagli insegnanti della scuola Dante Alighieri di Palermo, ma tutti hanno eguale diritto al ritocco dello stipendio, se non altro non secondo le regole dettate, sommariamente, dal Decreto del ministero dell'Istruzione dello scorso aprile. Una recente indagine della Cisl Scuola ha stabilito che, nella sola regione della Sicilia, solo in dodici scuole su cento, le operazioni di assegnazione del bonus docenti non stanno creando un clima teso.

Nei restanti istituti, informa l'edizione palermitana de La Repubblica, perplessità e malumori tra docenti, stanno caratterizzando la sperimentazione del premio.

Bonus docenti 2016: cresce la protesta nelle scuole italiane

Motivo per il qualeanche il bonus di valutazione dei docenti sta diventando elementodi protesta nelle scuole. Allo stesso istituto Alighieri di Palermo, ma è ormai opinione comune degli insegnanti di tutte le scuole, i parametri stabiliti dai comitati di valutazione andranno a premiare, in prima battuta,chi ha effettuatoil maggior numero diattività al di fuori delle classi trascurando, così, il lavoro svoltonelle diciotto ore settimanali di servizio.

Con il risultato che tanti professori stanno rinunciando a partecipare all'assegnazione del bonus: nell'istituto palermitano è necessario presentare l'autodichiarazione che, in molti casi, costituisce una vera e propria autovalutazione. In trentadue si sono rifiutati di compilarla. A Bologna, ma le cronache locali dei giornali sono piene di segnali di protesta, all'istituto comprensivo Volta, 72docenti su un organico di 177, si sono rifiutati di presentare la domanda per il bonus.

In molti vorrebbero addirittura restituirlo alle scuola per finanziare progetti didattici.

Premio di valutazione scuola 2016: a quanto ammonta?

L'assegnazione del bonus, insomma, viene ritenuta fonte di disparità di trattamento tra docenti, ma anche come il tentativo di dare un'impronta aziendalista e gerarchizzata all'intero sistema scuola. In ballo una tantum sullo stipendio che, finora, non è stato possibile stabilire in maniera precisa: dai 200 milioni stanziati dal Governo, ogni scuola ne percepirà dai 15 ai 23 mila euro in media.

Da questa divisione, ed in base al principio contenuto nel Decreto di aprile di non distribuire il premioin busta paga a tutti indistintamentee, al contrario,ad un gruppo troppo ristretto di insegnanti, ne deriva che il bonus potrebbe aggirarsi tra i trecentoed i cinquecentoeuro lordi per ciascun professore. Ma se la percentuale dei docenti da premiare si dovesse restringereal minimo indispensabile per non infrangere il Decreto, allora in busta paga potrebbero riceversi dai cinquecento ai 1.500 euro lordi.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Segui la nostra pagina Facebook!