Arriva la confera del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini in merito ad un nuovo incontrotra il Governo ed i sindacati per la definizione della riforma previdenziale. Lo afferma l'esponente dell'esecutivo mentre presenzia un Convegno organizzato dal sindacato Uil, spiegando che "il vero punto di caduta sarà da qui a settembre". Stante la situazione, al più presto i tavoli di stampo tecnico saranno seguiti da un confronto politico con le parti sociali. La scadenza è quindi fissata tra la fine del mese di luglio e l'inizio del prossimo agosto, ovviamente prima che prenda piede la tradizionale pausa estiva.

Riforma pensioni, i commenti sul confronto in corso tra Governo e sindacati

In merito al confronto in corso Nannicini ha commentato in modo positivo l'attuale dialogo con i sindacati: "sta procedendo bene" ha rimarcato all'Ansa, evidenziando che si è entrati nei contenuti in modo costruttivo e parlando di "uno scambio proficuo". Per l'esponente dell'esecutivoè positivo anche il lavoro in preparazione, visto che "stiamo approfondendo, da qui alla Stabilità, degli interventi che risolveranno alcuni problemi sociali particolarmente urgenti". Nonostante ciò Nannicini preferisce non entrare nel merito dei dettagli riguardanti i provvedimenti che verranno proposti, visto che sono necessari ancora degli approfondimenti prima che possano essere tradotti all'interno della legge di stabilità.

"Di sicuro ci sarà un pacchetto di misure in campo previdenziale" ha concluso, confermando l'intenzione del Governo di andare a modificare le attuali regole di uscita dal lavoro.

Pensioni flessibili: anche il Parlamento chiede di stringere i tempi

La nuova presa di posizione del Governo appare importante perché arriva dopo le richieste reiterate dal Parlamento ed in particolare dal PresidentedellaCommissione lavoro alla Camera CesareDamiano.

L'esponente Dem ha sottolineato di recente la necessità di arrivare ad una definizione dei provvedimenti di flessibilità entro la fine del mese di luglio, così da assicurare che il tema previdenziale possa essere discusso all'interno della legge di stabilità a settembre, in modo da evitare sovrapposizioni con il dibattito relativo al prossimo referendum costituzionale di ottobre.

Come d'abitudine restiamo disponibili nel caso desideriate aggiungere un nuovo commentoin merito alle dichiarazioni che abbiamo ripreso nell'articolo. Se invece preferite fruire di tutti i prossimi aggiornamenti sulla questione previdenziale vi suggeriamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!