Sono 247.872 i docenti di ruolo che riceveranno il bonus di merito. Il bonus assegnato dai dirigenti scolastici ai docenti che, nell'anno scolastico scorso, si sono distinti per merito, per la propria auto-formazione linguistica ed informatica nonché per il contributo dato alla crescita qualitativa dell'istituto riguarda un docente su tre e le cifre vanno dai 200 a 1.800 euro lordi. Questo bonus si aggiunge a quello di 500 euro istituito nella legge 107/2015 dal Governo Renzi per la formazione e l'aggiornamento professionale e sarà accreditato tra la fine di novembre ed il 15 dicembre.

Vediamo di cosa si tratta e come avverrà l'erogazione.

380 milioni alle scuole

Lo scorso giugno, il Miur ha destinato 380 milioni alle scuole per premiare i docenti più meritevoli. Ogni istituto ha ricevuto in media 23 mila euro. Il bonus di merito, assegnato ai docenti entro il 31 agosto dai dirigenti scolastici e dai comitati di valutazione, fin dalla sua presentazione nel piano della Buona Scuola, aveva suscitato polemiche per il timore di una distribuzione arbitraria e clientelare nelle mani di pochi; preoccupazione che si è poi dimostrata infondata dal momento che il premio, stando ai numeri, è stato assegnato a un docente su tre.

A quanto ammonta il premio e quando arriverà?

I dirigenti hanno distribuito ai singoli docenti una somma lorda che varia dai 200 ai 1.800 euro. A creare questa fascia di distribuzione hanno contribuito in modo significativo le competenze informatiche, le certificazioni linguistiche e le iniziative intraprese da ogni singolo docente per la crescita qualitativa del proprio istituto. Il bonus di merito sarà distribuito tra la fine di questo mese e l'inizio di dicembre, con molta probabilità assieme alla tredicesima, ma non arriverà per intero: solo l'80% della cifra destinata al docente sarà accreditata in questa prima tranche.

La scelta di accreditare solo una parte del bonus è stata determinata dai ricorsi avviati al Tar dalla Cgil per allargare la platea anche ai supplenti precari. Secondo la Cgil il criterio di assegnazione ai soli docenti di ruolo è discriminatorio nei confronti di quei supplenti che ogni anno prestano il loro servizio nelle scuole italiane.

Per tutte le notizie sul mondo della scuola premi il tasto segui che trovi sotto il mio profilo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!