Dopo le recenti novità pubblicate in rubrica torniamo ad aggiornare le lettrici sul tema delle pensioni anticipate tramite opzione donna e della possibile proroga al 2018. A tal proposito segnaliamo l'accoglimento come raccomandazione di un nuovo Ordine del giorno al Milleproroghe proposto dall'On Andrea Maestri (Possibile), riguardante proprio la prosecuzione del regime sperimentale di OD. Per il Parlamentare, si tratta di "un altro punto a favore della giusta battaglia politica per la proroga del regime pensionistico al 31 dicembre 2018".

Vediamo insieme il testo con il quale si impegna il Governo.

Pensioni anticipate OD: il testo approvato come raccomandazione

Entrando nel merito del testo appena approvato, "si impegna il Governo a valutare ogni possibilità di impiegare le risorse non utilizzate, anche alla luce dei recenti dati emersi risultanti dall'attività di monitoraggio prevista dall'articolo 1, comma 281 della legge n. 208 del 2015, prioritariamente per la prosecuzione del regime sperimentale di "opzione donna", introdotto dalla legge 23 agosto 2004, n.

243, dell'articolo 1 comma 9, prevedendo la proroga fino al 31 dicembre 2018, come auspicato dalla suddetta legge n. 208 del 2015".

Le premesse su cui si basa la proposta di proroga

Nel testo accolto come raccomandazione si ricorda che il regime sperimentale di opzione donna non è stato pienamente utilizzato per un'interpretazione troppo restrittiva dell'Inps e nonostante il gradimento riscontrato da molte lavoratrici, che hanno accettato decurtazioni sull'assegno di circa il 25%.

Allo stesso tempo il contatore previsto dai legislatori prevedeva di reimpiegare i fondi risparmiati per estendere la misura alle lavoratrici precedentemente escluse e quindi eventualmente prorogare la sperimentazione al 2018. A ciò si può aggiungere anche che i dati forniti dal Ministro del Lavoro in merito alle Pensioni liquidate tramite opzione donna restano al di sotto delle previsioni ipotizzate dall'Inps, mentre l'articolo 1 (comma 231) della legge 208/2015 prevede che qualora dall'attività di monitoraggio risulti un risparmio rispetto alle previsioni di spesa, con un successivo provvedimento verrà disposto l'impiego delle risorse non utilizzate "per interventi di finalità analoghe".

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate condividere un commento con le altre lettrici in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi suggeriamo di utilizzare la funzione segui che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!