Sabato 15 e Domenica 16 aprile chi aveva in mente di dedicarsi allo shopping nell’Outlet di Serravalle dovrà rinunciare. E’ infatti previsto nei due giorni indicati lo sciopero dei dipendenti dei vari negozi del centro che bloccheranno manifestando le strade di accesso alla struttura. La protesta riguarderà gli oltre 2 mila dipendenti dell’outlet insoddisfatti delle condizioni lavorative. I temi scatenanti la rivolta sono più che mai attuali, Lavoro precario, contratti a termine, scarse garanzie, pagamento dei festivi e lavoro nei giorni di festività.

Ci tengono in scacco trasformando il lavoro in ricatto

“Anche noi abbiamo una famiglia e impegni personali. Ci fanno lavorare a Pasqua, magari anche a Natale e spesso non ci pagano neppure i festivi”, sono queste le parole di alcuni dipendenti del Serravalle outlet che evidenziano poi come la maggior parte di loro non abbia nessuna garanzia ma viva sotto ricatto. I tanti contratti a termine e precari, infatti, permettono all’azienda di usare la minaccia della mancata conferma come mezzo per tenere in pugno i lavoratori.

Ora però gli stessi non accettano più queste condizioni e domani sera, 30 marzo, incontreranno la Camusso a Novi Ligure per esporle il proprio pensiero.

Il complesso meccanismo di assunzioni dell’Outlet

Anche se la struttura è controllata dalla McArthurGlen, i lavoratori in realtà sono assunti dai singoli esercizi commerciali presenti nell’outlet con contratti che variano di negozio in negozio in base anche alla categoria dello stesso e alla Politica aziendale del marchio che rappresentano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Lavoro

Non vi sono pertanto regole fisse ma tanti datori di lavoro ciascuno dei quali applica contratti che variano dal commercio alla ristorazione di durata spesso molto breve con un forte turn over nelle assunzioni. I sindacati pertanto chiedono un cambiamento che preveda delle regole da seguire e maggiori garanzie ai lavoratori.

“Stiamo rispettando la normativa Salva Italia” replica la McArthurGlen

Non si è fatta attendere la risposta della multinazionale che controlla l’outlet di Serravalle la quale sostiene di agire in una strategia di mercato che punta sempre più a tutelare il turismo e l’occupazione.

Gli esponenti della società si riferiscono sia alle aperture straordinarie di Pasqua e Santo Stefano che alle forme contrattuali applicate sostenendo le loro decisioni ritenendole in linea con le altre strutture della zona e affermando che le stesse rispettano il Decreto Salva – Italia. Intanto si scatenano i dibattiti in rete tra chi sostiene che questi centri è giusto aprano anche nei giorni festivi e che bisogna organizzarsi a turni e chi invece si schiera in toto dalla parte dei lavoratori.

Insomma sentiremo ancora parlare della questione per diversi giorni e la soluzione è tutt’altro che facile e immediata.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto