Nonostante i tentativi di riportare la calma da parte del Governo, il tema della riforma Pensioni 2017 resta di fortissima attualità e in particolar modo la questione legata ad Ape social e a Quota 41, i nuovi strumenti previdenziali per il pensionamento anticipato. Ma non è tutto oro quel che luccica, perché da tali strumenti rimangono fuori diverse categorie di lavoratori. Dopo avervi parlato della rabbia espressa dai sindacati proprio sull'argomento, andiamo a vedere chi è rimasto escluso, certi che le discussioni e le polemiche continueranno ancora per molto tempo.

Riforma pensioni: gli esclusi dall'Ape social e da Quota 41

Non tutti i lavoratori ultra sessantatreenni potranno usufruire dell'Ape social o della cosiddetta Quota 41 per i lavoratori precoci in modo da anticipare l'uscita dal lavoro. Già, perché i due strumenti non saranno accessibili a tutti: con la pubblicazione dei due decreti attuativi è confermato che non tutti i disoccupati potranno usufruirne, ma soltanto una parte piuttosto ristretta di loro.

Come ben noto da tempo, per potere usufruire della pensione anticipata tramite Ape social è necessario avere almeno 63 anni di età anagrafica e 30 anni di contribuzione, mentre per quanto riguarda la Quota 41 è necessario, a prescindere dall'età anagrafica, avere 41 anni di contribuzione, a patto che si abbia almeno un anno di lavoro svolto prima di aver compiuto i 19 anni di età. Per ottenere la pensione anticipata, però, bisogna appartenere ad una delle seguenti categorie: disoccupati per licenziamento, per dimissioni per giusta causa o per risoluzione consensuale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Per poter presentare domanda all'Inps, inoltre, occorre anche che i disoccupati interessati non godano di alcun ammortizzatore sociale a seguito della disoccupazione da almeno tre mesi, altrimenti si rimane esclusi. Così come i lavoratori precoci con contratto a tempo determinato. Nei decreti, infatti, non sono previste tutele per coloro i quali lavorano 'a termine' e quindi hanno visto il loro contratto scadere naturalmente.

Insomma, una situazione tutt'altro che semplice e che difficilmente ormai troverà una soluzione in senso positivo.

Per rimanere sempre aggiornati sull'argomento della riforma pensioni 2017 o sul mondo del lavoro in generale è possibile cliccare sul tasto "Segui" presente in alto accanto al nome dell'autore di questo articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto