L'Inps ha appena reso disponibile per la consultazione sul suo sito istituzionale la Circolare n°174 del 23 novembre 2017 con la quale fornisce importanti chiarimenti per i professionisti e i lavoratori autonomi, possessori di un reddito professionale che vogliono usufruire della naspi. Vediamo, quindi, di descrivere nel dettaglio cosa prevede questa nuova Circolare.

I professionisti col doppio lavoro

La crisi economica e le spese che si devono sostenere per mantenere un'attività autonoma hanno spinto molti professionisti a cercare altre fonti di reddito. Diversi, quindi, hanno cominciato a svolgere una seconda attività, di solito come lavoratori subordinati. Cosa accade, pero', quando si viene licenziati da questa attività e si rimane con il solo reddito professionale?

Questa è la domanda a cui ha dato risposta la Circolare Inps n°174. In sintesi, l'Ente previdenziale ha affermato che la Naspi è perfettamente compatibile con il reddito da attività professionale, anche se ha fatto delle distinzioni e delle precisazioni.

Il caso di chi deve avviare un'attività autonoma

Innanzitutto, la Circolare affronta il caso di un lavoratore autonomo che deve avviare una nuova attività e che percepisce già la Naspi. In questo caso il lavoratore, spiega la Circolare, continua a percepire la Naspi a condizione che il suo nuovo reddito professionale non superi i 4800 euro lordi annui.

Viene inoltre richiesto, pena di decadenza dal beneficio, che il lavoratore autonomo entro un mese dall'inizio della nuova attività o dalla richiesta della Naspi informi l'Inps del reddito presunto che deriverà a quest'ultimo dalla stessa anche se questo, per assurdo, fosse pari a zero.

La Naspi verrà riconosciuta nella percentuale dell' 80% del reddito previsto e comunque ricalcolata in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi. In alternativa, è possibile richiedere la liquidazione in unica soluzione dell'intero importo della Naspi a cui si ha diritto. Ovviamente su detto importo saranno effettuate le ritenute irpef.

Il caso dei professionisti iscritti agli albi

Se a richiedere la Naspi è un professionista iscritto ad un albo o con una partita Iva aperta, prima di procedere alla domanda deve segnalare l'iscrizione all'Inps. Se invece, malgrado l'iscrizione o la partita Iva aperta, l'attività professionale non risulta svolta l'Inps dovrà verificarlo contattando, anticipatamente, il professionista.

A meno che, ovviamente, non lo segnali il professionista stesso all'ente previdenziale. Se l'attività risulta non essere svolta la Naspi verrà erogata, in caso contrario verrà negata.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!