Pubblicità
Pubblicità

L'importo dello stipendio di gennaio 2019 è già visibile sulla piattaforma NoiPa dai primi giorni del mese. Accedendo nella sezione 'Consultazione pagamenti' della propria area personale del sito ministeriale è, infatti, possibile conoscere quanto sarà l'importo che gli amministrati NoiPa potranno esigere il giorno 23 del mese (salvo possibili rettifiche degli ultimi giorni).

Cedolino di dicembre 2019: l'importo dello stipendio è già visibile su NoiPa

L’emissione ordinaria del proprio stipendio è stata disposta venerdì 28 dicembre 2018 e dal 2 gennaio è già possibile conoscere il suo importo sulla piattaforma NoiPa, con diversi giorni di anticipo rispetto alla pubblicazione del cedolino che dovrebbe avvenire, come di consueto, intorno al giorno 15 del mese.

Siccome è il primo stipendio del nuovo anno, sarà necessario compiere un'operazione in più rispetto a quelle già effettuate in passato per poterlo consultare: una volta che è stato effettuato l'accesso a NoiPa con le proprie credenziali e una volta cliccato su “Consultazione e Pagamenti”, appare, infatti, una schermata dove è necessario modificare manualmente l’anno dal 2018 al 2019 prima di cliccare sul tasto "Ricerca", necessario per far apparire l'importo del proprio stipendio di gennaio.

Pubblicità

Si ricorda che questa operazione consente la sola visualizzazione dell'importo del proprio stipendio, mentre sarà necessario attendere il caricamento del cedolino sulla piattaforma NoiPa per poterne conoscere tutti i dettagli dei calcoli e delle eventuali detrazioni e riduzioni spettanti.

Quando sarà esigibile lo stipendio di gennaio 2019?

Una delle date più attese dagli amministrati NoiPa è quella in cui il proprio stipendio diventerà esigibile e dunque effettivamente accreditato sul proprio conto corrente bancario o postale.

Ad oggi ancora non ci sono notizie e comunicati da parte di NoiPa sul quando sarà l'esigibilità di gennaio 2019, dunque bisogna fare riferimento all'Allegato 1 del decreto legge 350/2001 per conoscere la data desiderata che, salvo diversi futuri avvisi, sarà il giorno 23 del mese. A gennaio questa cade di mercoledì.

Si ricorda infine che il Governo, attraverso la legge di bilancio approvata lo scorso mese di dicembre, ha stanziato nuovi fondi per il rifinanziamento dell'elemento perequativo, per questo motivo l'importo del proprio stipendio di gennaio 2019 non subirà alcuna diminuzione rispetto al passato.

Pubblicità