Lo scorso lunedì 24 giugno il Miur ha divulgato gli effetti relativi alla mobilità del personale docente per il prossimo anno scolastico 2019/2020.

Successivamente, però, i trasferimenti del personale docente sono stati materia di variazioni e abrogazioni a causa di alcuni errori inerenti i posti resi disponibili in seguito alla mobilità e ai passaggi di ruolo/cattedra. Il sindacato Flc Cgil, conseguentemente alle suddette rettifiche e revoche, ha riesaminato i dati forniti dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur), al fine di ricalcolare i posti disponibili in seguito ai trasferimenti, utili per le immissioni in ruolo.

Gli Uffici Scolastici Territoriali, dunque, hanno provveduto alla pubblicazione degli elenchi aggiornati delle cattedre disponibili per provincia e classi di concorso.

Scuola dell'Infanzia e primaria

Nella scuola dell'Infanzia sono liberi ben 2.939 posti per la cattedra ordinaria e 1.143 per il sostegno. Il sito della Federazione lavoratori della conoscenza Cgil ha messo a disposizione sul proprio sito il prospetto dei posti disponibili per regione e provincia.

Per quanto riguarda, invece, la Scuola primaria ci sono ben 6.897 posti comuni e 5.502 cattedre di sostegno: anche in questo caso il prospetto delle cattedre libere per regione e provincia si può trovare sul sito del sindacato. Questa la situazione dell'organico scolastico infanzia e primaria 2019-2020 dopo i trasferimenti.

Scuola secondaria di I e II grado

Per la scuola secondaria di I grado ci sono addirittura 17.317 posti per le classi di concorso e 7.269 per il sostegno: il prospetto delle cattedre libere, divulgato sempre dalla Flc Cgil, questa volta riguarda anche la classe di concorso/sostegno, per regione e provincia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola Concorsi Pubblici

La secondaria di II grado ha a disposizione 20.617 cattedre per posti comuni e 2.465 di sostegno.

Come è possibile notare dai risultati, le cattedre con un maggior numero di postazioni libere riguardano il sostegno e con una maggiore incidenza nelle regioni del centro-nord e del nord Italia. Per quanto riguarda, invece, la situazione degli insegnanti precari, nelle ultime ore i sindacati legati al mondo scolastico incitano il Premier, Giuseppe Conte, a rispettare gli accordi presi finora:

''Non possiamo non ricordare al Premier gli impegni presi lo scorso 24 aprile a Palazzo Chigi - si legge nel comunicato stampa divulgato dai sindacati in modo unitario - in particolare quello di riconoscere l’esperienza lavorativa dei precari, individuando modalità che promuovano l’immissione in ruolo di coloro che lavorano nella scuola da più di tre anni''.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto