Dall'Inps arrivano nuovi aggiornamenti in merito alle pensioni anticipate tramite quota 100 e ai vincoli decisi dal legislatore per la fruizione della misura. I chiarimenti delle ultime ore aggiungono infatti importanti precisazioni a quanto già indicato nella circolare numero 11 del 2019, con la quale è entrata in funzione la normativa.

Riforma pensioni e quota 100: il contenuto della circolare 117/2019

L'ultima comunicazione dell'Istituto pubblico di previdenza sulla quota 100 ha preso forma attraverso la circolare 117 del 2019, nella quale si è affrontato nuovamente il tema dell'incumulabilità dell'assegno pensionistico con redditi da lavoro dipendente o autonomo.

L'Inps ha inoltre ribadito la possibilità solamente parziale di ricorrere ai redditi da lavoro occasionale, purché questi non eccedano i 5 mila euro annui. Anche in quest'ultimo caso però i tecnici dell'istituto hanno adottato un'interpretazione piuttosto restrittiva, eccedendo quanto previsto in senso letterale dalla legge. Questo perché nel plafond dei 5 mila euro annui vanno considerati i redditi dell'intero anno d'imposta, nonostante la normativa faccia riferimento al divieto di cumulo solo a partire dal primo giorno di decorrenza della pensione.

L'interpretazione differente rispetto all'APE sociale

A rendere l'interpretazione appena evidenziata particolarmente restrittiva vi è anche il fatto che per l'incumulabilità con i redditi da lavoro autonomo o dipendente dell'APE sociale la stessa Inps prevede di considerare i redditi percepiti nell'anno d'imposta solo a seguito della decorrenza del trattamento. Diventa quindi evidente che tra le due misure vi sia nei fatti un'interpretazione operativa opposta, nonostante si tratti in entrambi i casi di misure di flessibilità previdenziale e nonostante su questo punto specifico il testo della normativa appaia molto simile.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

I rischi per chi continua a lavorare dopo la decorrenza dell'assegno anticipato

Per chi dovesse proseguire nell'attività lavorativa nonostante il divieto di cumulo scatta la verifica dell'Inps e quindi la sospensione dell'erogazione dell'assegno nell'anno e nei mesi che precedono il raggiungimento dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia. Oltre a ciò, l'istituto provvederà al recupero delle somme già erogate in precedenza con l'accesso alla quota 100.

I potenziali fruitori del nuovo meccanismo di prepensionamento faranno quindi bene a prestare la massima attenzione prima di procedere con la richiesta, qualora stiano valutando un'eventuale prosecuzione dell'attività lavorativa. Anche perché i controlli sono già partiti sia da parte della stessa Inps che dall'Agenzia delle Entrate, grazie all'incrocio delle banche dati presenti nella pubblica amministrazione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto