La bozza dell’ordinanza per gli esami di Stato della Scuola secondaria di I grado, divulgata due giorni fa, dà delle indicazioni sull'elaborato che i ragazzi delle medie dovranno presentare a fine anno scolastico e sulle valutazione dello stesso. In primis dal documento si evince che la tematica dell'elaborato sarà scelta dal consiglio di classe. Bisogna sottolineare che la bozza dovrà essere sottoposta a vaglio dei sindacati del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, anche se nel documento viene indicato che l'esame dovrà essere discusso entro il termine delle lezioni. Dunque, docenti e ragazzi dovranno preparare tutto il necessario entro un mese, anche se la bozza dell'ordinanza ministeriale con le indicazioni precise deve ancora diventare definitiva.

Come dovrà essere l'elaborato finale che gli studenti di terza media dovranno preparare

Stando ai contenuti della bozza dell'ordinanza ministeriale, l'argomento dovrà essere scelto valutando le potenzialità degli studenti e anche in base ai livelli di competenza raggiunti nelle varie discipline e alle caratteristiche personali del singolo alunno. Inoltre l'elaborato non dovrà esser necessariamente una tesina, sotto forma di testo scritto, ma potrà essere anche una presentazione multimediale, un filmato, oppure una produzione sotto forma di una o più mappe.

Introdotta un'esposizione orale dell'argomento scelto in via telematica

Tra le varie modalità di stesura dell'elaborato è prevista anche una produzione tecnico-pratica, artistica oppure strumentale per gli alunni che frequentano scuole ad indirizzo musicale.

Il consiglio di classe, oltre a valutare l'elaborato scritto, dovrà valutare anche l’esposizione orale dei singoli alunni che esporranno l'argomento scelto in modalità telematica, davanti a tutti i propri insegnanti. Gli alunni dovranno esporre l'elaborato realizzato entro il termine delle lezioni che varia da regione a regione.

La valutazione dell'elaborato terrà conto della capacità argomentativa ed espositiva

Per quanto concerne la valutazione dell'elaborato, il consiglio di classe dovrà valutare degli indicatori ben precisi. In primis, i docenti dovranno valutare l'originalità dei contenuti nelle varie discipline. Inoltre gli alunni dovranno attenersi alla tematica loro assegnata in maniera coerente.

Anche la chiarezza nell'esposizione, adesso che è stato introdotto il colloquio orale, sarà valutata dal consiglio di classe. Quest'ultimo dovrà valutare anche la capacità di risoluzioni dei problemi degli alunni, la capacità di argomentazione, e il saper esprimere un pensiero critico e riflessivo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!