Le polemiche nel Salento non finiscono. Un periodo molto particolare questo per la penisola salentina che deve affrontare numerose questioni politiche non chiare: dall'intricato caso Xylella al Frecciarossa, sul quale è stato finalmente dato parere positivo e sarà attivato per arrivare anche qui nei prossimi mesi. Ad aggiungersi a queste, un'altra notizia arriva ed è potenzialmente un piatto prelibato per le polemiche sempre pronte ad esplodere: il Salento potrebbe essere segnalato come nuovo deposito di scorie nucleari a bassa intensità.

Una notizia che non fa piacere ai salentini. Ancora siamo al primissimo step, quello che esclude alcune Regioni o zone d'Italia dalla possibilità di deposito e ne inserisce altre, che ne hanno i requisiti: tra queste ultime proprio il Salento.

Escluse la provincia di Bat (Barletta-Andria-Trani) e Foggia, la Puglia potrebbe ospitare il deposito. Ma ancora, non c'è nulla di concreto e, per il momento, resta solo un'ipotesi.

I requisiti per ospitare le scorie nucleari

I requisiti per ospitare scorie nucleari a bassa intensità sono numerosi. L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha indicato numerose aree come inappropriate e tra i requisiti c'è quello di distanza minima dal mare di cinque chilometri e limite di altitudine di 700 metri.

La penisola salentina rientra in questi vincoli. Inoltre, la possibilità minima (meno del 2%) che si possa verificare un terremoto in questa zona, va ancora di più incontro alle richieste degli studiosi. Tra le zone con meno attività sismica, ci sono poi una parte del Trentino Alto Adige, la zona Nord occidentale della Lombardia e quella orientale del Piemonte, ma in questi luoghi non ci sono tanti altri requisiti, come, ad esempio, quello del limite di altitudine di cui abbiamo già parlato.

I migliori video del giorno

Dopo i danni importanti registrati nel Salento a causa del maltempo, si sperava che l'esultanza della notizia del Frecciarossa che sarà portato a Lecce, potesse allietare i salentini in questo periodo. Invece, questa terra si trova ancora al centro di possibili spiacevoli situazioni. Vale la pena di ricordare che ancora non c'è nulla di concreto.