Meluso è un fiume in piena ed il Lecce è pronto ad investire e lo sta dimostrando con i fatti. Un binomio che sta portando i giallorossi a creare una squadra importante. Almeno sulla carta, si tratta di acquisti di livello altissimo per la Lega Pro: da Arrigoni a Mancosu, da Caturano a Torromino, passando per Pacilli e Giosa, si tratta di calciatori che negli ultimi anni hanno fatto bene nel terzo campionato professionistico italiano. E, nel caso di alcuni di essi, come l'attaccante Torromino ed il difensore Giosa, si parla di calciatori abituati anche a calcare i campi di categorie superiori. Ma adesso, dopo aver messo a segno alcuni colpi di mercato, Meluso si sta concentrando nel mercato in uscita. 

Carrozza, Doumbia: vicini alla cessione

Meluso è vicino a  concludere ben 4 affari che porterebbero non solo entrate ma anche risparmi importanti sul monte ingaggi del Lecce.

Doumbia e Carrozza, per esempio, sono tra i calciatori giallorossi che hanno uno stipendio più alto. Per entrambi sembrerebbe essere concreto il passaggio all'Arezzo. Nelle ultime ore, le indiscrezioni parlano di un'accelerata per entrambe le trattative.

Il primo potrebbe passare all'Arezzo con la formula del prestito con diritto di riscatto, mentre per l'esterno offensivo salentino si prospetta il passaggio in prestito secco. Probabilmente, in entrambi i casi i giallorossi parteciperanno allo stipendio con una percentuale. Non si sa ancora a che punto siano le trattative, ma le idee sono abbastanza concrete. Entrambi i calciatori avrebbero accettato la destinazione.

Camisa e De Feudis: c'è la Pistoiese

Altri movimenti importanti, Meluso lo ha fatti per Camisa e De Feudis. Tutti e due i calciatori sarebbero vicini alla Pistoiese che li acquisterebbe a titolo definitivo.

I migliori video del giorno

La cessione di De Feudis, permetterebbe al Lecce di investire per l'acquisto di un nuovo centrocampista, mentre Camisa potrebbe essere sostituito da Marzorati.  Nelle ultime ore, inoltre, il Lecce ha intensificato i contatti con bomber Eusepi del Pisa.