Da tempo, le campagne abbonamenti rappresentano un momento importante nella stagione di una società. Grazie ad esse, infatti, si può capire quale sia l'atmosfera in città, quanto i tifosi credano nel raggiugimento di un obiettivo, quanto siano soddisfatti della campagna acquisti della loro squadra. In Lega Pro si creano spesso situazioni molto diverse tra società molto piccole, che non lanciano neanche la campagna abbonamenti perchè hanno poco seguito ed altre che invece hanno migliaia di persone pronte a seguirle. In questo caso, c'è attesa per vedere quanti abbonamenti sottoscriveranno società con tifoserie da altra categoria, come Parma, Venezia, Lecce, Foggia, Catania, Reggina, Taranto.

Per le ultime due citate, non è sicuro che facciano parte della Lega Pro e si attendono conferme, successivamente si potrá capire quale sarà l'affluenza.

Lega Pro con grandi piazze

Le due società che hanno sicuramente cominciato la campagna abbonamenti con un ritmo superiore a tutte sono Parma e Lecce. Gli emiliani, dopo meno di una settimana hanno raggiunto quota 3.000 abbonamenti; i salentini sono a circa 2.500 sottoscrizioni più o meno nello stesso lasso di tempo, ma considerando che quasi per un'intera giornata i tifosi giallorossi non hanno potuto sottoscrivere abbonamenti a causa di un problema informatico. Parma e Lecce si preparano dunque ad avere i ripettivi stadi strapieni di passione. Le due tifoserie confermano ancora una volta il loro attaccamento ai colori.

I migliori video del giorno

Per entrambe le società, non sembra impossibile quota 10.000 abbonamenti ed in questo caso si tratterebbe di un successo da categorie superiori. 

Intanto, prosegue il Calciomercato di Lega Pro ed il Foggia spera ancora di poter riprendere Iemmello, capocannoniere della scorsa stagione. L'attaccante difficilmente sarà lasciato partire, ma i rossoneri ci stanno provando. Il Lecce è ormai vicinissimo a Torromino, per il quale manca soltanto l'ufficializzazione. Meluso, ha pure fatto passi avanti nella trattativa per il difensore Marzorati.